06/12/2019 18:34:00

Trapani, l'Ente Luglio batte cassa alla Regione e vince

 Utilizzando il gergo calcistico si potrebbe dire uno a zero e palla al centro. E nella “partita” giudiziaria per ottenere dalla Regione siciliana più di 245 mila euro già assegnati, il Luglio musicale trapanese è passato in vantaggio. Il Tar, infatti, ha accettato la richiesta di sospensiva contenuta nel ricorso presentato dall'Ente contro l'assessorato regionale al Turismo.

La Regione, in un primo momento, aveva stanziato quasi mezzo milione per il Luglio. Poi, però, è arrivato il decreto assessoriale dello scorso 31 luglio con il quale è stato approvato l'avviso per l'erogazione dei contributi chiamati Furs, e con delibera di giunta è stato deciso che la ripartizione fosse calcolata per il 50% sulla base delle entrate del bilancio del biennio 2017/2018 e per il rimanente 50% sulla base di nuovi parametri di valutazione.
Per l’Ente trapanese, però, il provvedimento era illegittimo. Da qui pertanto la decisione di impugnarlo davanti al Tribunale regionale amministrativo, chiedendone la sospensiva. I magistrati hanno ritenuto di sospendere l'efficacia dei provvedimenti impugnati e hanno fissato, per la trattazione di merito del ricorso, la prima udienza per febbraio 2021 condannando l'assessorato al pagamento delle spese legali.

Ma non è tutto perché per effetto di questa pronuncia è stata blocca l'erogazione di questi fondi a tutti i teatri in graduatoria: il Massimo di Palermo attendeva 880 mila euro, l'Orchestra sinfonica siciliana 453 mila, il Brass Group 233 mila, il Bellini di Catania 561 mila, Taoarte 242 mila, il Vittorio Emanuele di Messina 162 mila.



https://www.tp24.it/immagini_banner/1596818921-t-cross-ago.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1596638168-aeroporto-palermo-punta-raisi.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1596438976-saldi-estivi-50.gif