Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
11/11/2019 14:00:00

A Trapani la presentazione del libro “Potere alle Parole” della sociolinguista Vera Gheno

Che cosa penseremmo del proprietario di una Maserati che la lasciasse sempre parcheggiata in garage pur avendo la patente? E di una persona che, possedendo un enorme armadio di vestiti bellissimi, indossasse per pigrizia sempre lo stesso completo? Queste situazioni appaiono improbabili, eppure sono esempi dell’atteggiamento che molti hanno nei confronti della propria lingua: hanno accesso a un patrimonio immenso, incalcolabile che – per indolenza o paura o imperizia – usano in maniera assolutamente parziale.

Nella società di oggi, definita non a caso società della comunicazione, la vita di ognuno di noi è piena di situazioni che richiedono di usare bene le parole. Lavorare, avere una relazione sentimentale, fare la spesa, viaggiare, curarsi, crescere dei figli, stare sui social network, sostenere
una discussione o un dibattito pubblico, difendersi da un’accusa, studiare, insegnare, comunicare, in genere, con gli altri sono tutte incombenze quotidiane per le quali più siamo competenti nel padroneggiare le parole più sarà completa e soddisfacente la nostra vita e meno rischieremo conseguenze spiacevoli, di ogni sorta, dovute proprio a non aver capito o scelto la “parola giusta”.

In “Potere alle parole” Vera Gheno si fa strada nel grande mistero della lingua italiana passando in rassegna le nostre abitudini linguistiche e mettendoci di fronte a situazioni in cui ognuno di noi può ritrovarsi facilmente. Un modo per aiutarci a comprendere – o a ricordare – che la vera libertà di una persona passa dalla conquista delle parole.

A discuterne con l’autrice, lunedì 11 novembre, alle ore 18, al Museo di Arte contemporanea-Centro culturale “San Rocco” di Trapani (via Turretta 12), sarà la giornalista Ornella Fulco.

L’incontro è organizzato dal Circolo UDI “Franca Rame” di Trapani – presieduto da Valentina Colli – nell’ambito delle iniziative organizzate sotto l’egida del progetto “Trapani è donna” promosso e finanziato dal Comune di Trapani.