Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
16/11/2019 16:24:00

Trovati dai carabinieri due pc che erano stati rubati all'Università di Trapani

 I carabinieri fanno irruzione nell’appartamento di uno spacciatore e oltre alla droga ritrovano anche i due computer portatili trafugati all’Università di Trapani. Così per Leonardo Rubino di 40 anni è scattato l’arresto.

Nella sua casa, i militari dell’Arma, con l’ausilio del cane antidroga Mike, hanno sequestrato cocaina e hashish già suddivise in dosi pronte per essere immesse in commercio. Ad insospettire gli investigatori, il continuo viavai di giovani nell’abitazione dell’indagato, molti dei quali già conosciuti come assuntori di sostanze stupefacenti. E a casa di Leonardo Rubino i carabinieri hanno anche rinvenuto, inoltre, due bilancini elettronici, materiale per il confezionamento delle dosi e tre coltellini uno dei quali con la lama intrisa di hashish. Poi la sorpresa: i computer rubati all’Università, sulla cui provenienza il giovane non ha saputo fornire alcuna spiegazione. Ora Rubino è agli arresti domiciliari, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e di ricettazione.