13/01/2020 08:33:00

Incidente: auto si ribalta, giovane cameriere siciliano muore carbonizzato

Un giovane originario di San Cataldo, in provincia di Caltanissetta, e un genovese sono morte in un incidente stradale la scorsa notte a Genova. Le due vittime, trovate carbonizzate dai vigili del fuoco, sono un uomo di 68 anni, Guido Grassi, e un giovane di 23, Bruno Lauria, mentre un altro di 20 anni, Giuseppe Lunetta, sempre di San Cataldo, è ferito in condizioni non gravi.

L'incidente è avvenuto intorno alle 3 del mattino in corso Europa, una strada pericolosa ad alto scorrimento nel levante cittadino già teatro di diversi sinistri. Secondo quanto ricostruito dalla polizia locale, un’Alfa Romeo Giulia era diretta verso il centro quando il conducente ha perso il controllo. L'auto ha urtato uno spartitraffico, nei pressi di una pensilina per le fermate dei bus, che ha fatto da trampolino al mezzo facendo ribaltare e poi incendiare nei pressi di un semaforo all’altezza di via Tagliamento dove ha preso fuoco. Non c'è stato scampo per i due occupanti dei sedili anteriori. L’altro passeggero è stato salvato da un giovane di passaggio che in qualche è modo è riuscito ad aprire un varco e ad estrarre il giovane dall'abitacolo.

La dinamica dell’incidente è al vaglio della sezione infortunistica della polizia locale di Genova che sta ascoltando testimoni e visionando le immagini delle telecamere di sorveglianza. Tra le ipotesi ci sarebbe l’alta velocità, al momento non risultano altri veicoli coinvolti.

I due giovani rimasti coinvolti nell’incidente della scorsa notte a Genova sono due amici siciliani che si erano trasferiti a Genova da San Cataldo per lavorare come camerieri. I due giovani viaggiavano sull'auto del genovese Guido Grassi, conosciuto sul posto di lavoro, che si era offerto di dare loro un passaggio per tornare a casa dopo la chiusura del locale.