Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
Cultura

Supernova - Com'è stato ucciso il Movimento 5 Stelle

Megriffe - Via San Rocco, 4 91025 - Marsala 91025 Marsala
16/10/2017 - 16/10/2017

Lunedì 16 ottobre alle 18:30, al Megriffe di Marsala, in via San Rocco n.4, verrà presentato il libro “Supernova - Com’ è stato ucciso il Movimento Cinque Stelle”, scritto da Nicola Biondo e Marco Canestrari. A dialogare con i due autori sarà il giornalista Giacomo di Girolamo. L’incontro è organizzato dalle testate giornalistiche Tp24.it e Rmc101.
Supernova è un libro d’inchiesta, nato sulla base del crowdfunding in rete. Un libro che racconta la storia di come nasce, cresce e viene ammazzata la pazza idea di Gianroberto Casaleggio di costruire il primo movimento politico che utilizza internet come strumento di propaganda e organizzazione.

Un’inchiesta scritta a quattro mani, quelle di Marco Canestrari e Nicola Biondo. Il primo ha vissuto la genesi e l’evoluzione del Movimento Cinque Stelle perché braccio destro di Gianroberto Casaleggio. Canestrari tecnico del blog aveva anche il ruolo di cinghia di trasmissione tra Grillo, Casaleggio e i meet up e ha conosciuto fin dall’inizio quelle che erano le idee che poi daranno vita al Movimento. Il secondo, giornalista e scrittore, autore tra gli altri, di libri come “Il Patto” e “Alkamar”, è stato per un anno e mezzo il responsabile dell’ufficio comunicazione del Movimento alla Camera dei Deputati.

Una storia raccontata da un osservatorio unico, da chi ha fatto parte, in momenti diversi e decisivi, della macchina organizzativa del Movimento 5 Stelle. Supernova è un’indagine e allo stesso tempo un interrogativo sullo stato della nostra democrazia. E la domanda che gli autori si pongono e che rivolgono ai lettori è: alla democrazia italiana, agli italiani serve il M5S e quale serve, quello di governo, moderato o quello degli inizi, barricadero e pronto alla rivoluzione? Supernova è un noir politico che racconta come nasce e come viene ucciso il Movimento Cinque Stelle.

“L’abbiamo vista nascere, l’abbiamo fatta crescere, ce ne siamo allontanati. Ora raccontiamo come l’idea originale, a suo modo pura, di Gianroberto Casaleggio, sia stata tradita prima da lui stesso poi dai suoi “figli”. In senso lato, e non.
Il Movimento non nasce nel 2013 con le elezioni politiche. Non nasce nel 2012 con le regionali in Sicilia. Non nasce nemmeno con la vittoria nel primo capoluogo, Parma. E addirittura nemmeno l’8 settembre 2007, il giorno del primo V-Day. Il Movimento nasce, nella testa di Casaleggio, a cavallo tra gli anni Novanta e Duemila, quando era a capo di WebEgg, una società di strategie digitali di proprietà di Telecom Italia. Inizia a prendere forma nel 2005 con la nascita del blog di Beppe Grillo, si consolida nel 2007 e diventa un fenomeno di massa nel 2012. Ora è il primo partito in Italia ed è sotto la lente di ingrandimento degli osservatori e degli analisti di tutto il mondo.
La sua struttura organizzativa è sconosciuta ai più e mal compresa dagli altri. E i futuri ministri strizzano l’occhio a dittatori come Putin, Assad e Maduro.
Com’è potuto accadere che il movimento della Rete diventasse bulimico di tv?
Com’è potuto accadere che le risate suscitate da uno straordinario comico siano diventate grida di folle digitali incattivite e violente? Come si è passati dall’accusare di omicidio un oligarca al considerarlo interlocutore di un ormai quasi certo governo a 5 stelle?
Erano sbagliate le premesse o sono state le persone a non essere all’altezza?
Supernova racconta questa incredibile storia per come l’abbiamo vissuta dagli uffici della Casaleggio Associati tra il 2007 e il 2011 e dall’ufficio comunicazione presso la Camera dei Deputati tra il 2013 e il 2014.
Abbiamo lavorato per anni a stretto contatto con tutti i protagonisti di questa vicenda; ci siamo conosciuti in quel contesto, abbiamo fatto amicizia e, in tempi e con ruoli diversi, eravamo là dove le cose succedevano”.
 

comments powered by Disqus