×
 
 
20/02/2016 04:45:00

Favignana, Uilpa chiede un consiglio comunale aperto sulla Base Navale Penitenziaria

Il coordinatore regionale del sindacato Uilpa, Gioacchino Veneziano, scrive al sindaco Pagoto e al prefetto Falco e ai parlamentari provinciali, sulla chiusura della base Navale di Polizia Penitenziaria di Favignana. Il responsabile sindacale chiede al sindaco di Favignana un consiglio comunale straordinario con la partecipazione dei senatori e deputati provinciali. Questa la comunicazione di Veneziano:

 

Il 25 settembre 2011, dopo 3 anni di lavori ed una spesa di circa 11 milioni di euro, è stata inaugurata la nuova Casa di Reclusione di Favignana intitolata a Giuseppe Barraco, Agente Scelto di Polizia Penitenziaria che prestava servizio alla Base Navale di Favignana, in qualità di Nocchiere Motorista. Il 21 dicembre 1991, nel corso di una burrasca, nonostante fosse libero dal servizio, non esitò ad aiutare i colleghi per assicurare gli ormeggi di una motovedetta del Corpo perdendo la vita durante le operazioni di ancoraggio. Fatta questa introduzione, la Base Navale della Polizia Penitenziaria a Favignana è presente da più di 6 lustri, e ha svolto più di 100 interventi in occasione di malori o incidenti sia in mare che sulla terraferma, è stata impegnata nei casi di sbarchi di migranti, e con le due motovedette d'altura classe V. sta coadiuvando le operazioni di controllo nell'area marina protetta delle isole Egadi, la più grande d'Europa con i suoi 53.992 ettari di mare come prevede l'accordo con l'Amministrazione Penitenziaria al fine di potenziare le attività di vigilanza, durante il periodo estivo, sui pescatori di frodo. Il Servizio Navale avrebbe dovuto costituire un supporto operativo logistico alla struttura penitenziaria, oltre ad essere uno strumento di controllo dell'arcipelago delle isole Egadi. Detto questo, fermo restando i motivi che hanno costretto il personale della “Navale” a “non operare” a pieno regime nei compiti istituzionali, lo stesso servizio pare abbia un costo annuale di poco superiore alle 20.000 euro. Quindi il rischio di vedere cancellare da Favignana una "Forza dello Stato" che costituisce un presidio di legalità per il territorio isolano, appare incredibile, anche perché il motivo principale dell'ipotizzata chiusura è forse il risultato di una inattività operativa. Chiariamo da subito che i poliziotti non sono stati messi in condizione di svolgere il servizio delle traduzioni dei detenuti/internati dalla terraferma all’isola e viceversa. In realtà facendo quattro conti, nell’anno 2015, sono stati trasferiti tramite aliscafi e/o motonavi quasi 100 detenuti, impiegando pressappoco 400 unità di Polizia Penitenziaria del Nucleo Traduzioni e Piantonamenti di stanza presso la Casa Circondariale di Trapani. Un lavoratore del comparto sicurezza ha un costo lordo giornaliero di circa € 100 euro, la spesa del servizio scelto dall'Amministrazione Penitenziaria (non usando la Polizia Penitenziaria della Navale), si aggira a quasi € 400.000 annue, senza considerare l'acquisto degli abbonamenti alla società di navigazione Siremar. Ovviamente bisogna calcolare gli intermezzi di tempo che subiscono le scorte che devono attendere ed attenersi agli orari ufficiali della compagnia. Naturalmente non è misurabile la “spesa” in termini di rischio che si cagiona trasportando persone detenute in con mezzi “civili”, esponendo ad un forte pericolo non solo chi opera, ma anche i cittadini che si trovano a spostarsi con i già citati mezzi pubblici. Il Ministro della Giustizia Onorevole Andrea Orlando ed il Capo della Polizia Penitenziaria Presidente Santi Consolo devono sapere che la traduzione di un detenuto andata e ritorno con le motovedette della “Penitenziaria” avrebbe un costo di circa € 60 (sessanta) per il consumo di gasolio, e l’equipaggio imbarcato potrebbe concorrere alla composizione della scorta, con risparmi di spesa enormi.(!) Per tutti i motivi esposti, che rafforzano la certezza che l'eventuale soppressione della Base Navale della Polizia Penitenziaria a Favignana rappresenterebbe un colpo ai cittadini Egusei, perché siamo convinti che un giusto impegno porterebbe indubbi vantaggi sia di risparmio, che di sicurezza, salvaguardando un presidio di legalità e sicurezza e senza imbarazzo anche i posti di lavoro del personale della Navale ad una delle più antiche e gloriose specializzazioni del Corpo di Polizia Penitenziaria. All'Onorevole Guardasigilli Andrea Orlando e al Capo del Dipartimento Presidente Santi Consolo si invia la presente nella certezza che prenderanno a cuore la questione e metteranno in campo le migliori energie per consentire la permanenza della Polizia Penitenziaria della Base Navale a Favignana. Il Segretario Generale della UILPA Polizia Penitenziaria Angelo Urso è pregato di supportare la presente. Pertanto si esorta il Signor Sindaco di Favignana dott. Giuseppe Pagoto ad indire un Consiglio Comunale straordinario, invitando i Senatori della Provincia di Trapani e i Deputati eletti all'ARS, prendendo atto che già in sede di consiglio comunale del 16 febbraio 2016 ne ha fatto richiesta.

Gioacchino Veneziano

Coordinatore Regionale Uilpa

                                                                                   

Cambio nella Giunta Pagoto - Cambio nella giunta di Favignana deciso dal sindaco Giuseppe Pagoto che ha nominato assessore il consigliere comunale Giusi Montoleone, medico di famiglia a Favignana, in sostituzione di Emanuela Serra, che ha fatto parte della Giunta Comunale per i primi due anni e mezzo di mandato. In consiglio comunale, invece, con le dimissioni da consigliere di Tiziana Torrente, assessore in carica, subentra Paolo Silanos, il primo dei non eletti nella lista “Egadi in Movimento. All'assessore Montoleone e al nuovo consigliere comunale Silanos vanno gli auguri di buon lavoro da parte del sindaco Pagoto, che allo stesso tempo rivolge un sentito ringraziamento ad Emanuela Serra per l'importante contributo apportato all’attività politico-amministrativa fin dal primo insediamento della Giunta.

 

Favignana avrà un’ambulanza completa di importanti attrezzature elettromedicali. L’Assessore regionale alla salute, Baldo Gucciardi, ha firmato un provvedimento che consente, così, ai residenti, ma anche ai turisti che visiteranno l’isola, di poter godere di un adeguato servizio di soccorso. “Un risultato importante per la sicurezza dei cittadini – dice il sindaco Giuseppe Pagoto -. Un’ottima risposta per le esigenze di salute della popolazione residente e non solo, per la quale ringrazio sentitamente l’Assessore Gucciardi”. L’ambulanza attivata presso il PTE (Presidio Territoriale di Emergenza) di via delle Fosse, era già equipaggiata di autista e soccorritore. Adesso il servizio di assistenza sanitaria alla popolazione viene potenziato grazie alla dotazione ulteriore del presidio a tutela della salute pubblica. Nell’Arcipelago sono già attivi l’idroambulanza e tre defibrillatori automatici installati nelle aree portuali di Levanzo, Marettimo e Favignana, che permettono agli operatori delle centrali operative del 118 di intervenire nei casi di emergenza trovando sui luoghi già l’indispensabile strumento salvavita. Per richiedere l’intervento dell’ambulanza basta telefonare al numero 118, attivo 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.

 

Riconoscimenti per Favignana - Dopo “Oscar per l’Ecoturismo” consegnato all’AMP delle Egadi da Legambiente e Federparchi nel corso della BIT, c'è un importante piazzamento nelle classifiche di gradimento dei turisti pubblicata dal Tripadvisor Travellers Choice Awards (premi ai luoghi prescelti dai viaggiatori). Per il quarto anno consecutivo, Favignana, la maggiore delle Egadi, e Cala Rossa, il suo luogo simbolo, si piazzano ai primi posti nella classifica delle più gradite spiagge e isole italiane. Cala Rossa è quinta nella classifica delle spiagge (www.tripadvisor.it/TravelersChoice-Beaches), vinta quest’anno da Cala Mariolu (Baunei), mentre l’isola di Favignana ottiene identico quinto posto nella graduatoria delle isole italiane, vinta ancora da Capri. Nel corso del 2015 l’Area Marina Protetta e le Isole Egadi hanno ottenuto anche il premio “Tenchiu Sicily”, come testimoni della Sicilianità nel Mondo, un riconoscimento da Federparchi per la collaborazione fornita nel corso di Milano Expo 2015, dove le Egadi sono state tra i protagonisti più attivi, mentre Cala Rossa è risultata la spiaggia più amata d’Italia secondo le segnalazioni effettuate dai turisti sul portale Skyscanner. 



Dai Comuni | 2022-05-22 02:40:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Marsala, si sistemano le strade in alcune contrade

Avviati dal Comune gli interventi di ripristino del manto stradale in diverse contrade di Marsala. L'Assessorato ai Lavori Pubblici, diretto da Arturo Galfano, comunica che in questa prima fase i lavori riguardano il versante nord-est del...