×
 
 
09/03/2019 06:00:00

Operazione ‘Scrigno’, mafia e politica a Trapani e in provincia

 L’asticella del malaffare mafioso si alza sempre di più. Il politico, sempre meno vittima, assurge agli onori della cronaca per la voracità di potere. Fame assoluta che lo porta a muoversi in prima persona verso la famiglia mafiosa per garantirsi pacchetti di voti.

“IL ‘PONTE’ TRA POLITICA E MAFIA” – Questo è stato il tema principale della conferenza stampa tenuta al palazzo di giustizia di Palermo, lunedi mattina: “Paolo Ruggirello costituirebbe – secondo il Procuratore capo della Repubblica palermitano, Francesco Lo Voi – il ‘ponte’ tra politica e mafia”. E Ruggirello, secondo quanto emerso in fase di indagine ma confermato anche dal gip (giudice per le indagini preliminari) “è accusato di associazione mafiosa, (416 bis) per intenderci – sottolinea volutamente Lo Voi – e non 110 (concorso esterno), poiché l’esponente politico era perfettamente a conoscenza dei precedenti penali mafiosi dei suoi interlocutori” e nonostante ciò li frequentava per il raggiungimento di fini molto diversificati fra loro: dalle beghe più strettamente personali al sostegno richiesto per le campagne elettorali, in particolare quelle del 2015 e del 2017. E l’esponente del Pd trapanese, secondo quanto emerso nel corso dell’operazione ‘Scrigno’, sarebbe in numerosa compagnia, anche se per tutti – come ricordato da Lo Voi – vige la presunzione di innocenza.

“50 € OPPURE IL SACCO DELLA SPESA” – Il grande classico torna sempre in auge anche nel corso delle indagini di questa ultima operazione antimafia. La metodologia ed il prezzo, per acquisire voti, restano immutati: si ricorre all’offerta del sacco della spesa o ai più comodi 50 euro, anche a rate per pacchetti di voti cospicui. “Bastava offrire – continua Lo Voi – 50 euro al capofamiglia mafioso o 20 euro per fare la spesa, come primo contatto per attivare il meccanismo, che non cambia grazie al controllo mafioso capillare del territorio”.

LA DELUSIONE PER LE MANCATE ELEZIONI – La delusione – nonostante i circa sei mila voti ottenuti alle ultime regionali, ma che non sono bastati all’esponente di punta del Pd a Trapani, per conquistare uno scranno a Sala d’Ercole, a lui che era abituato a veleggiare intorno alle 10 mila preferenze – è stata cocente. Una sorta di ‘ringraziamento ironico’, da parte di Rugirello, è emerso, infatti, in una delle tante intercettazioni effettuate dai carabinieri di Trapani, rivolto verso gli esponenti mafiosi, per il mancato risultato ottenuto e cioè il flop elettorale, sia al senato che alle regionali.

I 5 STELLE SCOMPIGLIANO I PIANI DEI MAFIOSI – Ma – se oggetto principale del sodalizio tra politica e mafia era quello di garantire l’elezione ai politicanti in cambio di favori di vario genere – come mai c’è stato questo doppio flop per Ruggirello? “Il voto plebiscitario – ha risposto in conferenza stampa il sostituto procuratore Paolo Guido – ottenuto da un altro schieramento ha scompigliato, in modo inatteso, i piani del sodalizio politico mafioso non portando al raggiungimento dei risultati da loro sperati”. Guido non li nomina direttamente, ma il riferimento è inequivocabilmente riferito ai risultati elettorali ‘plebiscitari’ ottenuti dal M5S nel corso delle due ultime competizioni elettorali: le nazionali e le regionali.

MESSINA DENARO NON C’ENTRA – “Matteo Messina Denaro continua ad essere il rappresentante provinciale di Cosa nostra – afferma il Procuratore capo della Repubblica, Lo Voi – trapanese, ma ciò non significa che il resto di cosa nostra non continui a portare avanti le sue attività tipiche: infiltrazioni nel mondo dell’economia, estorsioni, intestazioni fittizie di beni e così via. Matteo Messina Denaro rimane il rappresentante provinciale – conclude il Procuratore – ma non ‘c’è in questa indagine un particolare, diretto e specifico, collegamento tra i soggetti indagati e Denaro, negli accertamenti che sono stati realizzati ma questo è un segno positivo – se così possiamo dire – del fatto che la mafia continua ad essere presente sul territorio, in modo capillare, a prescindere dal diretto intervento del latitante”.

Alessandro Accardo Palumbo
www.facebook.com/AlessandroAccardoPalumbo
Twitter: @AleAccardoP
 

 



Native | 2022-06-27 17:07:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Come organizzare una cena romantica in estate

Una cena intima è un ottimo modo per riportare il romanticismo nella vostra relazione. È facile farsi prendere dalla vita di tutti i giorni e perdere il contatto con ciò che conta davvero; quindi, prendersi del tempo per...

Studio Culicchia | 2022-06-27 09:10:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Il cruscotto per il controllo dell’azienda

Quanti direttori d’azienda dispongono di un quadro comandi per il controllo della propria azienda? Come il cruscotto delle nostre auto ci da una serie di informazioni utili per avere il controllo dell’auto durante i nostri viaggi o...

Native | 2022-06-24 10:01:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Ritorna lo Special Price di Bonini anche sullo store online

Prezzi pazzi per questa estate su Boninistore.com. Sul negozio di abbigliamento online con i più esclusivi brand uomo/donna, prezzi speciali su articoli selezionati sino ad esaurimento scorte! Vai sul sito Boninistore.com, clicca sulla...

https://www.tp24.it/immagini_banner/1654873647-renault-megane.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1656406473-4-di-10.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1655286815-promo-estiva.gif
<