19/12/2019 20:00:00

Trapani, trasferito in un altro carcere il giovane che ha aggredito quattro agenti

E' stato trasferito in un altro carcere siciliano il 20enne che ieri ha aggredito quattro poliziotti penitenziari all'interno del carcere "Pietro Cerulli" di Trapani.  Il giovane recluso ha lanciato una mela contro un poliziotto, poi ha sferrato un pugno ad un collega intervenuto per calmarlo. Infine, mentre veniva accompagnato in isolamento ha colpito altri due agenti. I feriti sono stati costretti a ricorrere alle cure del pronto soccorso del Sant’Antonio Abate. 

Il giovane di ventanni di origine nigeriana è in carcere dopo essere stato arrestato a Castelvetrano. Ad ottobre cerco di rubare all'interno di un'autovettura, poi è stato protagonista di una lite davanti alla Lidl di via Caduti di Nassyria e del furto della pistola d’ordinanza di un agente di Polizia Municipale, nel parcheggio antistate il supermarcato Lidl. Ai primi di agosto, il giovane era stato protagonista di un'aggressione nei confronti di una famiglia a bordo di un'auto. In macchina  vi era un maresciallo dei carabinieri in pensione che, in quel momento, passava in via Errante Vecchia. Con lui la moglie, la figlia e la nipotina di appena 20 mesi, quando si è visto frantumare il parabrezza. 

L'ex carabiniere è sceso dall'abitacolo ed è stato aggredito dal giovane nigeriano. In soccorso è giunta una volante della polizia e una pattuglia di carabinieri. Il ventenne si è scagliato pure contro i poliziotti, ma alla fine è stato bloccato e arrestato per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale.