25/06/2021 11:41:00

Canada, l'orrore delle scuole cattoliche: trovati i resti di altri 761 bambini nativi

 Ancora una volta il Canada si trova a fare i conti con un passato buio e violento, mentre da cimiteri senza lapidi vengono estratti i resti di centinaia di bambini indigeni. Come già è avvenuto nella British Columbia un mese fa, anche nel Saskatchewan i lavori di scavo portano alla luce i resti di centinaia di vittime delle scuole di assimilazione culturale che il governo aprì nel Paese nel 1899, e che furono gestite dalla chiesa cattolica fino al 1997. Sarebbero 751 i corpi ritrovati questa volta, contro i 215 della British Columbia. Alle tombe, denuncia Cadmus Delorme, capo della tribù dei Cowessess «i rappresentanti della chiesa hanno tolto le lapidi», e per questo il lavoro di riconoscimento dei resti sarà lungo. Ma i membri delle «First Nations», le popolazioni indigene che popolavano il Canada prima dell'arrivo dei bianchi europei, promettono che non avranno pace fino a che anche l'ultimo corpo non avrà un nome. E il lavoro potrebbe prolungarsi per anni, perché sembra già che siano stati identificati altri due cimiteri senza lapidi vicino ad altre scuole simili, nell'Ontario e nel Manitoba. Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha reagito con sgomento alla nuova scoperta nella Provincia del Saskatchewan, nella comunità di Marieval, a 90 chilometri a ovest della capitale Regina: «Siamo davanti a un vergognoso ricordo del razzismo sistemico, della discriminazione e dell'ingiustizia che i popoli indigeni hanno sofferto e continuano a soffrire in questo Paese». Trudeau ha sollecitato i suoi concittadini a «riconoscere tutti insieme questa verità, e imparare dal passato per poter camminare insieme sulla strada della riconciliazione». LE REAZIONI Le comunità indigene stanno reagendo con dignità e chiedono al resto del Paese di stringersi intorno a loro, ma ci sono state anche reazioni di rabbia violenta. Nella British Columbia sono state date al fuoco due chiese, la Chiesa del Sacro Cuore e la Chiesa di San Gregorio, tutte e due in territorio indigeno. La scoperta dei cimiteri senza lapidi è una ricaduta di una lunga ricerca della «Truth and Reconciliation Commission» istituita nel 2008 dal governo di Ottawa. I membri della Commissione hanno percorso il Paese fin nelle più sperdute lande, per ricostruire l'orrore dell'assimilazione forzata che fu imposta dalla fine dell'Ottocento a circa 150mila bambini indigeni. Strappati alle loro famiglie, internati in scuole gestite da preti e suore con polso durissimo, ai bambini delle First Nations venne imposto di non parlare più la loro lingua, di abbandonare i loro costumi e di convertirsi a forza al cattolicesimo. Molti furono soggetti a violenze, anche sessuali, molti crebbero denutriti, isolati, in condizioni di estrema repressione. Molti non ressero, e morirono per gli stenti e la disperazione, senza che le loro famiglie neanche ne fossero informate. E vennero seppelliti spesso nei campi intorno alle scuole, trasformati in cimiteri senza lapidi. 

 

Anna Guaita in “Il Messaggero” del 25 giugno 2021



Uomini e Dei | 2021-09-14 18:15:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Teismo e a-teismo 

 Il vescovo Spong ha scritto molti libri e ha tenuto migliaia di conferenze. Vi offro in lettura una paginetta di quest’ultimo testo intitolato ‘Incredibile – perché il credo delle chiese cristiane non convince...

Uomini e Dei | 2021-08-24 09:07:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Donne di Kabul

 Come farete donne di Kabul senza i vostri bambini lasciati in braccio ai sodati americani? Casa per casa vi cercano i talebani temono una donna senza velo che grida nella notte senza luna e scrive nel diario dell’anima come...

Medicina e Chirurgia | 2021-09-22 15:09:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Quando rivolgersi ad un neurochirurgo?

La visita neurochirurgica è volta alla valutazione delle patologie a carico del sistema nervoso centrale (cervello e midollo spinale) e periferico (costituito da tutti gli altri elementi nervosi) o di disturbi che colpiscono la colonna...

https://www.tp24.it/immagini_banner/1632204992-istituzionale-7-di-9.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1631775220-mr23.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1631607232-glocalsud.gif
<