Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
Cultura

“La Mafia dimenticata”

Marsala 91025 Marsala
22/01/2018 - 22/01/2018

Lunedì 22 gennaio 2018 alle ore 18.00 all’Otium di Marsala (via XI Maggio, 43) Umberto Santino, Presidente del Centro siciliano di documentazione “Giuseppe Impastato”, racconta il suo ultimo libro “La mafia dimenticata” ed. Melampolo,

Discutono con l’autore con Anna Puglisi, docente universitaria cofondatrice del Centro siciliano di documentazione “Giuseppe Impastato”, Giacomo Di Girolamo direttore di RMC 101, Saverio Cipriano coordinatore regionale e Luigi Dolce coordinatore provinciale di Democrazia e Lavoro CGIL.

In La mafia dimenticata. La criminalità organizzata in Sicilia dall’Unità d’Italia ai primi del Novecento. Le inchieste. I processi. Un documento storico, si incontrano boss che raccontano guerre di mafia, donne e familiari di vittime che chiedono giustizia, politici e aristocratici che testimoniano a difesa dei mafiosi.
Il volume è una vera e propria restituzione della genesi della mafia finora in larga parte inedita o non adeguatamente rappresentata.

Nel testo sono pubblicati per la prima volta integralmente i rapporti redatti tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento dal questore di Palermo Ermanno Sangiorgi, che tracciò un profilo della mafia che somiglia molto a quello che sarebbe emerso novant'anni dopo con le rivelazioni dei collaboratori di giustizia: un'associazione strutturata, con capi, gregari e un vasto sistema di relazioni. Ne emerge un quadro completo della criminalità organizzata dall'Unità d'Italia ai primi del Novecento, del contesto in cui si svolgevano il lavoro investigativo e i processi e in cui maturavano le prime lotte sociali, tra l'accavallarsi dei delitti e l'intrecciarsi delle complicità, anche all'interno delle istituzioni.

Ingresso libero. 

comments powered by Disqus