Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
16/07/2017 20:00:00

Su RaiUno arriva "Adesso tocca a me" la docufiction su Paolo Borsellino

Il 19 luglio 1992 è una data indimenticabile in quanto la mafia ha spento la vita del coraggioso magistrato Paolo Borsellino e, a 25 anni di distanza dall’attentato di Via d’Amelio, Rai 1 ha voluto ricordare le imprese di questo grande uomo attraverso la messa in onda di una docufiction intitolata “Adesso tocca a me” che racconta con grande sentimento lo splendido ricordo di Borsellino e di tutta la sua scorta, vittime di un criminale sistema.

Il titolo della docufiction è tratto da una frase celebre pronunciata da Paolo Borsellino che dopo aver tristemente appurato la morte dell’amico Giovanni Falcone, avvenuta il 23 maggio 1992 nella strage di Capaci, aveva immediatamente dichiarato: “Adesso tocca a me, sarò io il prossimo”. Questa triste affermazione in realtà certifica il coraggio di questo determinato magistrato che, nonostante la previsione ormai certa di una morte vicina, ha continuato a credere nella sua lodevole missione mettendo sempre al primo posto la libertà della sua comunità imbrigliata violentemente dalla mafia.

L’attore Cesare Bocci interpreterà il ruolo di Borsellino e sarà affiancato da un cast eccezionale formato da attori di grande rilevanza tra cui: Anna Ammirati; Giulio Corso; Ninni Bruschetta e molti altri , guidati dalla regia di Francesco Miccichè. L’intera produzione è stata curata da Aurora TV in coproduzione con Rai Fiction che con grande orgoglio hanno presentato questo importantissimo progetto televisivo sotto forma di docufiction infatti all’interno del film saranno presenti molte sequenze che raffigurano documenti storici reali come le testimonianze, le memorie e i discorsi di molte famiglie e di alcuni rappresentanti dello Stato.

Nel film saranno presenti molte rivelazioni e di notevole importanza sono le ricostruzioni inedite dell’agente Antonio Vullo, unico sopravvissuto alla strage, che racconterà i sentimenti, le paure e la determinazione racchiusa nei cuori della scorsa di Borsellino che con grande coraggio e affetto hanno protetto il loro amato magistrato purtroppo condividendo con lui un finale molto drammatico.

Ti potrebbe interessare anche: