×
 
 
23/01/2016 07:10:00

Sequestro Denise. Corte d’appello chiede tempo per motivare l’assoluzione di Jessica

 Si sta rivelando più complicata del previsto, evidentemente, la stesura delle motivazioni della sentenza con cui, lo scorso 2 ottobre, la terza sezione della Corte d’appello di Palermo (presidente Raimondo Lo Forti) ha confermato l’assoluzione di Jessica Pulizzi dall’accusa di concorso nel sequestro della “sorellastra” Denise Pipitone, scomparsa a Mazara l’1 settembre 2004. La Corte d’appello ha, infatti, chiesto altri 90 giorni per scrivere e depositare le motivazioni. “Attendiamo” è il secco commento, su facebook, dell’avvocato Giacomo Frazzitta, legale di parte civile che assiste Piera Maggio, madre della bambina scomparsa. Sull’opposto fronte, intanto, uno dei due difensori di Jessica, l’avvocato Fabrizio Torre, respinge l’ipotesi che i giudici stiano incontrando difficoltà a trovare le giuste motivazioni per un’assoluzione che ha lasciato l’amaro in bocca a Piera Maggio e a Piero Pulizzi. “Vista l’estrema importanza dell’istruttoria dibattimentale effettuata in appello – afferma, infatti, l’avvocato Torre – ritengo che questa richiesta di proroga del termine per il deposito delle motivazioni rientri nella normale e fisiologica prassi. Difficoltà nel motivare qualche aspetto della sentenza? Non mi sembra di poter condividere questa ipotesi. Non attribuirei alla richiesta alcun significato particolare, se non quello di esigenze organizzative della Corte, che ha necessità di continuare a lavorare sulle motivazioni della sentenza. Si tratta, del resto, di un procedimento importante”. Per Jessica Pulizzi, anche il procuratore generale Rosalba Scaduto aveva invocato la condanna a 15 anni di carcere, come in primo grado i pm di Marsala. In primo grado, la sorellastra di Denise fu assolta dal Tribunale di Marsala “per non aver commesso il fatto”, anche se con la formula del secondo comma dell’articolo 530 del codice di procedura penale. E cioè per “mancata o insufficiente formazione della prova”. La sentenza fu emessa il 27 giugno 2013. Nel corso del processo d’appello, saltò fuori una clamorosa intercettazione ambientale effettuata 40 giorni dopo il sequestro in cui, secondo il perito Mendolìa, si sente Jessica Pulizzi che sussurra alla sorella minore Alice: “Eramu n’casa… a mamma l’ha uccisa a Denise”. Ma un altro perito nominato dalla stessa Corte d’appello (Delfino) ha, poi, affermato che la clamorosa frase “in parte non si sente”. Ma neppure questa intercettazione (per i legali della difesa “non si sente nulla”) è servita a ribaltare il verdetto.



https://www.tp24.it/immagini_banner/1659540334-vw-t-roc.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1659427735-sconto-cena.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1659520159-sf21.gif
<