08/08/2017 10:06:00

Torna a riunirsi oggi l'Ars, sempre che la seduta non vada a vuoto...

 Torna a riunirsi oggi l'Ars. C’è tempo solo fino a giovedì per approvare rendiconto e assestamento prima della pausa estiva, e a queste norme contabili sono legati gli stipendi dei 6 mila dipendenti delle Province e il futuro dei precari degli enti locali: 22.000 persone.

A più riprese è stata invocata la partecipazione dei deputati, perlopiù di maggioranza, ai quali si è rivolto proprio Baccei chiedendo di “esprimere dignitosamente il proprio ruolo e dare finalmente le risposte attese dai cittadini siciliani”.

Anche la Uil Sicilia lancia un appello: «Senza i documenti contabili – dice il segretario regionale Claudio Barone - circa seimila persone potrebbero restare senza stipendio. Per questo chiediamo alla politica un forte atto di responsabilità».Anche il mondo della formazione si mobilita. In una nota la Cisl Scuola e la Uil Scuola annunciano una manifestazione di protesta di tutto il settore a settembre, contro ritardi e inadempienze nell’avvio dei corsi e nei confronti degli ex sportellisti.