Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
15/05/2018 06:00:00

Marsala, Sinacori: "Il sindaco parla di politica clientelare. Deve fare chiarezza"

 

Giovanni Sinacori, consigliere comunale a Marsala, insieme a Flavio Coppola avete creato un nuovo gruppo consiliare che si chiama IDP, Iniziativa Democratica e Popolare. Vi siete stupiti di un post su Facebook pubblicato da Alberto Di Girolamo che condannava la politica clientelare...

 

Ritengo che la questione sollevata dal Sindaco sia una questione piuttosto seria, fino a quando si limitavano alle schermaglie utilizzando il consiglio comunale o la stampa o le conferenze stampa per chiarirsi nulla da obiettare. Quando si riferisce, il Sindaco, all'opposizione interna è chiaro che si riferisce ad Antonio Vinci e a Angelo Di Girolamo per avere firmato il documento di quella direzione che mi pare sia stato un documento firmato dalla maggioranza. Questo a me non interessa, ma se parla di opposizione mi sento tirato in ballo. Sono tre anni e a questo punto io non ho capito nulla o sono un ingenuo, siccome il discorso è serio non si può tirare la pietra nello stagno e poi ritirare la mano. A questo punto chiedo che il sindaco faccia chiarezza non per me ma per la città.

 

 

Lei conosce bene il Sindaco, sa che non dice mai le cose a casaccio. Non si avventura in sproloqui e in frasi inventate...

 

L'ho fatta anch'io questa riflessione e per questo ho deciso di scrivere con chiarezza. Se il Sindaco oggi, chiudendo quella posizione politica, a questo punto mi chiedo se ci sia qualcosa che non sappiamo. Generalmente Alberto Di Girolamo non è uno che si lancia in considerazioni avventate. Io mi sono sentito offeso quando si è parlato di opposizione clientelare.

 

Però ha parlato in questi termini di opposizione dentro al Partito Democratico...

 

 

Quella è stata un'aggravante. Questa opposizione ha consentito al Sindaco di governare per tre anni, se non avessero avuto un aiuto oculato, serio e trasparente altro che rinegoziazione dei mutui, che bilanci approvati. Loro non erano in grado nemmeno di governare sei mesi. Noi abbiamo sempre detto quella che era la nostra proposta strategica per migliorare la città e lo abbiamo scritto. Il Sindaco adesso ci porta il Bilancio in consiglio comunale e io mi chiedo dove sono i soldi per far partire la Consulta Giovanile? Io devo assistere in una città come Marsala che sia la cantina Colomba Bianca, la Cantina Birgi, l'Istituto Agrario e l'Assoenologi a fare una grande iniziativa che si chiama Enopolis? E l'Amministrazione dove è?

 

 

 

Sinacori c'è stato un momento in cui in consiglio comunale non si è più capito chi fosse maggioranza e chi fosse opposizione. Dove si pone il gruppo IDP?

 

La confusione c'è stata perchè era legata a tutta la tornata elettorale regionale e poi nazionale. Non c'è mai stata confusione, quando qualcuno ci diceva che eravamo pronti ad entrare in Giunta io dicevo che non eravamo affatto pronti a farlo, non è questo il nostro obiettivo. Il nostro obiettivo è quello di tenere fede ad un impegno che abbiamo preso quando Alberto Di Girolamo è stato eletto sindaco e io dissi che noi avremmo fatto un'opposizione seria e costruttiva. Poi loro, le loro litigiosità e la loro poca chiarezza, parlo della maggioranza che si è compattata solo una volta: quando ha eletto Enzo Sturiano presidente del consiglio comunale.