Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
06/06/2018 10:42:00

Elezioni, e veleni. Trapani, parla Tranchida: "Ecco le prove del complotto contro di me"

11,25 - "Credo che Pipitone abbia incontrato in campagna elettorale Daniela Toscano. Non c'è nulla di male, è un cittadino libero", aggiunge Tranchida, sempre a proposito delle vicende dell'ultima campagna elettorale ad Erice. E finisce qui la conferenza stampa. Alle 13 sarà ospite al Volatore di Rmc 101 l'avvocato Vito Galluffo. 

11,20 - Sulle dimissioni di Tarantino, Giacomo Tranchida aggiunge: "E' una vicenda che non mi riguarda, sulla quale ho già risposto a Tp24.it. Ma aggiungo: se le sue dimissioni dal consiglio comunale sono così sospette, perchè Tarantino non viene spolpato dalla Procura di Trapani?". 

11,15 - Tranchida sostiene di aver conosciuto Pipitone dopo le primarie. "La registrazione della moglie di Manuguerra con la signora Mistretta è incompleta e anche la foto di Tp24.it con me e Pipitone alle spalle è fatta in una aula pubblica, in consiglio comunale. Non è uno scoop". Tranchida poi registra un paradosso: "Noi siamo candidati a Trapani, e si tirano fuori vicende che non hanno nulla a che fare con la mia persona ed Erice". 

11,10 - Tranchida parla anche del pregiudicato Diego Pipitone, al centro dell'inchiesta di Tp24.it: "L'ho conosciuto tramite il medico di San Giuliano, Nino Marino, che mi disse che aveva avuto trenta anni fa un precedente, ma che non rappresentava un problema per la comunità. Toscano ha appoggiato Daniela Toscano perchè era stato in passato con Manuguerra e con Nino Oddo ma non voleva più sostenerli, perché adesso voleva il bene del quartiere".  Tranchida auspica che Pipitone venga ascoltato. Vero è che c'è una consigliera del Pd che è indagata per voto di scambio. "Pipitone adesso fa campagna elettorale per Galluffo e per La Barbera di Forza Italia, non certo per me". 

11,05 - "Manuguerra, nel processo per voto di scambio, è stato difeso dall'avvocato Galluffo, che anche in quell'occasione tentò di "mascariare", costruendo una storia non vera su alcun melenzane che avevo acquistato da un chiosco, che poi ho scoperto abusivo, a San Giuliano". Continua Tranchida: "Dal punto di vista professionale sono sgomento del fatto che Galluffo è un garantista estremo, al punto tale da difendere nella sua professione anche killer di mafia, in processi importanti, ma con me si trasforma in una sorta di tribunale senza appello, svolto in conferenza stampa. L'obiettivo è solo quello di fermare la mia corsa, la mia vittoria al primo turno". "Sono l'avversario da abbattere, lo so - chiosa Tranchida - ma non certo una persona da abbattere". 

11,00 - "Anche sui rifiuti, io sono stato quello che ha denunciato le assunzioni clientelari" dice Giacomo Tranchida, in riferimento a quanto scritto da Tp24.it. "Sono magie di Vito Galluffo - dice Tranchida - e parlo di magie con riferimento a Luigi Manuguerra, condannato per voto di scambio. Le cose che dice Galluffo, sono in parte le stesse contenute in alcuni esposti anonimi". Sulla vicenda degli esposti è indagata la figlia, ai tempi minorenne, di Manuguerra, davanti al Tribunale dei Minorenni. "Ma io non credo che una ragazzina scriva esposti anonimi". 

10,55 - "Galluffo ce l'ha con me perchè io ho cacciato dalla mia Giunta nel 2007 suo figlio, che si ostinava a difendere qualche "portaroba" di San Giuliano. Da qui l'atteggiamento di odio verso di me, fino al punto di provare a creare prove false pur di avviare una campagna di vendetta che aveva il solo obiettivo di rovinarmi politicamente", continua Tranchida. "Quello che avviene in questi giorni è frutto della stessa campagna di vendetta, da qui le mie denunce". "Ecco perché con questi avversari così scorretti, non mi confronto" dice Giacomo Tranchida. Il candidato Sindaco dice che non è indagato in nessuna inchiesta, al momento, nè sulla vicenda della pista ciclabile ("il Comune di Erice è parte offesa, in quella vicenda, dove qualche funzionario del Comune non è stato proprio leale..."), nè su altre indagini". 

10,50 - Veleni della campagna elettorale a Trapani, nuova puntata. Dopo la conferenza stampa di ieri di Vito Galluffo, che ha commentato anche un'inchiesta di Tp24.it, oggi è la volta di Giacomo Tranchida, che ha convocato i giornalisti - e i sostenitori  - al comitato elettorale di Via Marconi. 

"Vorrei parlare del mio programma per Trapani - esordisce Tranchida - e delle emergenze che dobbiamo affrontare, a cominciare da rifiuti. E' per questo che da Sindaco convocherò EnergetikAmbiente per capire se possono partire con il servizio nonostante il contratto dolosamente non sottoscritto dal Comune di Trapani. Invece mi devo occupare della cronaca. Io non intendo più confrontarmi con candidati che purtroppo non meritano l'onore delle armi". Tranchida ha denunciato per diffamazione Peppe Bologna, mandante, dice del "mascariamento" nei suoi confronti. Azioni, per Tranchida, datate e documentate. Così come Tranchida interviene sulle insinuazioni circa un suo ricovero in quel di Palermo perché tossicodipendente, e sulle pressioni, sostiene, fate dall'avvocato Vito Galluffo.