19/09/2018 17:00:00

Porto di Marsala, la proposta "sui generis" del presidente di Rete Punica

Una proposta "sui generis" per il porto di Marsala arriva dal presidente di Rete Punica. Un bando di crowdfunding aperto alla cittadinanza per ottenere l’eventuale mancante somma di denaro necessaria ad avviare il progetto del porto turistico di Marsala, il Marina di Marsala elaborato dalla società Myr. E’ la proposta che Mario Figlioli - Presidente di Rete Punica, la rete di imprenditori e artigiani del territorio, fa al Comune di Marsala- firmatario dell’accordo di programma del progetto insieme alla Regione Sicilia- affinché i lavori per la realizzazione di questo importante approdo turistico per la nostra città possano finalmente partire.

“Se come ha supposto il Presidente del Consiglio Comunale, Enzo Sturiano, in un’intervista presso una tv locale- dichiara il Dott. Mario Figlioli, Presidente di Rete Punica - i lavori del Marina di Marsala non sono partiti nei giusti termini di questo settembre per una mancanza di liquidità monetaria, perché non coinvolgere in questo progetto i cittadini che volessero farlo?”.

“Con una raccolta fondi aperta alla cittadinanza- continua- non solo si potrebbe ottenere la liquidità necessaria all’avvio dei lavori di una struttura che certamente gioverebbe all’economia di Marsala, sia in maniera diretta che in termini di indotto, ma si verrebbe a creare una bella opportunità per quei cittadini che volessero co-finanziare questo progetto, chiaramente con piano di ritorno dell’investimento. Si tratta infatti di un investimento che certamente avrebbe un ritorno economico anche per i più piccoli co-founders-investitori”.

“Questa - conclude Figlioli - è un’idea che lanciamo all’Amministrazione comunale qualora il problema di questo ritardo dei lavori fosse legato realmente alla mancanza di una parte dei soldi necessaria ad avviare un piano davvero importante per la città di Marsala. Come Rete Punica, in tal senso, mettiamo a disposizione le nostre competenze per l’eventuale elaborazione del bando e, in ogni caso, ci rendiamo disponibili a qualsiasi altra consulenza, purché si vada nella direzione della crescita di questo territorio”.

Una proposta singolare quella della partecipazione cittadina per la realizzazione del Marina di Marsala, della quale, sinceramente, non se ne sentiva la necessità. Realizzare un'infrastruttura come il porto turistico non è come realizzare un progetto commerciale da qualche decina di migliaia di euro. Sono necessari decine e decine di milioni di euro come sappiamo, ed è un progetto industriale, approvato e assegnato dagli enti pubblici, dopo tanti anni di trafile burocratiche, ad una società, in questo caso la MYR, che ne ha pieno diritto di esserne l'unica  concessionaria.