Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
07/07/2019 09:10:00

Il Comune di Alcamo condannato a pagare 642 mila euro per la morte di Francesco Maltese

  Il Comune di Alcamo è stato condannato a pagare 642 mila euro per la morte, in un incidente stradale, di Francesco Maltese, avvenuta nel 2011.
Il Tribunale di Trapani ha escluso il concorso di colpa dell'ex Provincia di Trapani riconoscendo l'unica responsabilità nel Comune che dovrà versare il risarcimento danni ai familiari dell'uomo morto otto anni fa.


L'incidente avvenne sulla sp47, l'uomo si trovava a bordo della sua moto quando in prossimità di una pericolosissima curva si andò a schiantare contro un palo della segnaletica verticale. Il tratto di strada in questione era stato ceduto nel 1998 dall'ex Provincia al Comune che quindi ne diventava responsabile. E proprio quel tratto di strada, come accertato dai Carabinieri, l'asfalto in particolare, era in cattive condizioni, con la caduta provocata anche da questo fattore. La presenza di una curva a gomito era stata da tempo segnalata per diversi vizi strutturali e su cui non si era intervenuti.


La strada, secondo gli studi, non era inoltre adeguata agli standard ministeriali di sicurezza e venne verificata la sua pericolosità. Il tratto di strada era stato realizzato dalla Provincia, ma il Tribunale ha sentenziato che la responsabilità è del Comune, che doveva provvedere ai lavori di messa in sicurezza, e adesso dovrà pagare 642 mila euro.