Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
11/07/2019 15:38:00

Teneva in acquario due astici vivi con le chele legate. Denunciato ristoratore a Trapani

 Teneva in un acquario due astici vivi, con le chele legate. Un comportamento illecito, per questo un ristoratore di Trapani è stato denunciato per maltrattamento di animali dai Carabinieri.

I militari dell'arma nel corso di controlli nella scorsa notte, hanno fatto ispezione in un ristorante. All'interno, appunto, due astici vivi con le chele legate in un acquario, in modo da inibirli dal  normale comportamento e causando ingiustificatamente dolore. Per questi motivi il ristoratore è stato dennunciato in stato di libertà all'Autorità Giudiziaria competente, in ordine a quanto recitato dall’art. 544 ter c.p., i due astici sono stati sequestrati e dopo averli liberati dalle legature apposte alle chele, su disposizione del P.M. di turno sono stati rigettati in mare.

Tale attività rientra nel contrasto al maltrattamento degli animali, anche quelli di origine ittica che per essere cucinati ancora vivi devono subire ancor prima di morire paradossalmente ed ingiustificatamente delle limitazioni al loro normale comportamento causando dolore, in tale quadro anche il Legislatore con la sentenza della Suprema Corte di Cassazione ha individuato l'illecito nell'usanza di legare le chele all'astice vivo.