12/07/2019 09:11:00

Marsalese assolto da maltrattamenti alla moglie

 Un marsalese di 33 anni, Vito Grignani, è stato assolto dal giudice monocratico Iole Moricca per maltrattamenti alla moglie (Eleonora Paladino). Il pm aveva chiesto una condanna a due anni di carcere.

In precedenza, ad essere condannata, in primo grado, per lesioni al marito, era stata proprio la donna: quattro mesi, con pena sospesa, per una coltellata. Grignani era, invece, accusato di avere più volte aggredito la moglie, schiaffeggiandola e afferrandola per il collo. Ed inoltre l’avrebbe insultata e minacciata di morte. Ciò tra giugno 2013 e luglio 2017. Il giudice Moricca, però, accogliendo le tesi dell’avvocato difensore Antonino Rallo, ha assolto l’imputato. “Sono soddisfatto per l’assoluzione del mio assistito – dice l’avvocato Rallo - che certamente ha vissuto questi anni di sofferenza a causa delle vicende giudiziarie in cui è stato coinvolto. Nel corso del giudizio abbiamo dimostrato che la moglie si era resa responsabile in passato di taluni reati contro il marito avendolo addirittura ferito in un’occasione con un coltello da cucina. Il Grignani era finito in ospedale e la moglie condannata. Inoltre – continua il legale - per quanto attiene al reato di maltrattamenti contestato all’imputato, abbiamo dimostrato che mancava l’abitualità della condotta posta in essere dal Grignani, requisito che deve necessariamente esserci affinché si configuri la fattispecie delittuosa di maltrattamenti in danno di familiari. Un reato che ricorre quando vi siano plurime condotte di chi agisce che, unitariamente considerate, abbiano creato una situazione di sopraffazione sistematica e programmatica della persona offesa, tale da rendere particolarmente dolorosa la stessa convivenza”. In questo caso, invece, dice ancora l’avvocato Antonino Rallo, i coniugi avevano vissuto sotto lo stesso tetto poco più di un mese, in quanto il Grignani, che già lavorava in Francia, subito dopo il matrimonio si era trasferito definitivamente a Marsiglia. Tornando a Marsala (contrada Berbaro) solo per le ferie estive.