Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
08/08/2019 20:38:00

Trapani, spaccia crack e hashish dal proprio appartamento. Arrestato un giovane

Un ventiduenne trapanese è stato arrestato dalla squadra narcotici della polizia, sopreso mentre spacciava crack e hashish in un appartamento di via Ciullo D'Alcamo.

Alla vista dei poliziotti il giovane è fuggito dal balcone ma è stato raggiunto e bloccato. In casa sono stati trovati, decine di cristalli di crack, un bilancino di precisione, boccette di ammoniaca e quattromila euro in contanti e in piccole banconote. Il giovane è stato sottoposto ai domiciliari. Qui il comunicato della polizia: 

Nel pomeriggio del decorso 6 agosto, a seguito di un mirato servizio antidroga, la Polizia di Stato ha arrestato il trapanese L.S., classe 97, il quale è stato colto nella flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di “crack” e hashish. A far scattare il blitz della “Sezione Narcotici” è stato il consueto via vai di avventori che, giungendo nell’appartamento del pusher, sito al piano I di un stabile della via Ciullo d’Alcamo, vi si trattenevano per pochi minuti, giusto il tempo di approvvigionarsi di droga. Vano è stato il tentativo di fuga del giovane, che, avvedendosi della presenza dei poliziotti, è balzato via dal balcone, cercando di disperdere lo stupefacente e di dileguarsi per le vie di San Giuliano, dove è stato immediatamente rintracciato e condotto in Questura. La perquisizione dell’appartamento, effettuata anche con l’ausilio di un’unità cinofila, ha
permesso di rinvenire decine di cristalli di crack, un bilancino di precisione e diverse boccette di ammoniaca, il cui utilizzo elimina la sostanza da taglio presente nella cocaina, cristallizzandola e rendendola idonea al fumo.
È stata inoltre rinvenuta la somma di circa 4000 euro, in banconote di piccolo e medio taglio, una macchina per il sottovuoto – generalmente utilizzata dai pusher per conversare lo stupefacente e i proventi dello spaccio – e alcune dosi di hashish. Su indicazione dell’Autorità Giudiziaria, L.S., che è gravato da precedenti per reati contro il patrimonio, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.