13/09/2019 13:20:00

Domani esordio in gara ufficiale del Marsala Futsal al Palasport di Marsala

Tocca al Marsala Futsal inaugurare in gara ufficiale la riapertura dell’imponente Palazzetto dello Sport della città lilibetana. Niente di meglio che una gara di Coppa Italia ad eliminazione diretta dove gli azzurri affronteranno lo Sporting Alcamo. Il Marsala sarà obbligato a vincere se vuole approdare alla seconda fase della competizione che nella passata stagione l’ha vista finalista contro la Pro Nissa.

Il Marsala Futsal, sarà obbligato alla vittoria poiché nel triangolare A la situazione di classifica vede al comando proprio i diretti avversari dello Sporting con 3 punti, ottenuti in gara due contro l’altra formazione alcamese, l’Alqamah che di punti ne ha 1 come il Marsala, in virtù del pari tra le due squadre, ottenuto in gara uno.

Il match sarà giocato alle ore 17:00 e arbitrato dagli esperti Salvatore Modica e Giuseppe Caico , entrambi della sezione di Agrigento.

 

La società intanto comunica che è stato ufficializzato il tesseramento di Marco Li Causi, (in foto), marsalese, classe 1995 provieniente dal campionato di Promozione di Calcio dove con la maglia del Salemi, nelle ultime due stagioni, ha collezionato 67 presente e ben 11 reti.

Cercato da diverse realtà calcistiche della provincia come Mazara e Castelvetrano che lo volevano in eccellenza, Marco Li Causi ha preferito sposare la causa Marsala Futsal prediligendo soprattutto gli impegni lavorativi.

Li Causi muoverà con la maglia numero 5 del Marsala  i primi suoi passi nel calcio a cinque agonistico. Sarà dunque una nuova e importante freccia aggiunta all’arco di Mister Bruno in vista di un campionato di serie C1 che si preannuncia di altissimo livello ma forse non potrà essere disponibile per sabato pomeriggio nel match contro lo Sporting Alcamo valido per il terzo turno di Coppa Italia. Con l’arrivo di Marco Li Causi il mercato del Marsala potrebbe considerarsi chiuso, visto che nelle ultime  ore si è concretizzato  anche il rientro in squadra di Gaspare Pellegrino mentre è già è ufficiale da qualche settimana quello di Pietro Cannavò.

 

Giovanni Ingoglia