Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
10/10/2019 15:02:00

Sicilia, la Finanza sequestra 200 articoli di bigiotteria non sicuri

200 articoli di bigiotteria sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza in occasione della Festa patronale di Polizzi Generosa ad alcuni venditori ambulanti. Qui il comunicato dei militari:

Nel corso di attività a contrasto degli illeciti economico-finanziari, le Fiamme Gialle della Tenenza di Petralia Soprana hanno eseguito, nei giorni scorsi, in occasione della festa patronale svoltasi a Polizzi Generosa (PA), alcuni controlli nei confronti di venditori ambulanti.
I militari, in particolare, hanno effettuato, in due distinte operazioni, il sequestro di oltre 200 prodotti privi delle indicazioni minime inerenti la sicurezza generale dei prodotti e avvertenze d’uso a garanzia del consumatore.
La merce esposta al pubblico per la vendita su banconi di due ambulanti era costituita principalmente da articoli di bigiotteria quali braccialetti, collane, collanine e orecchini.
Oltre al sequestro amministrativo della merce, ai due trasgressori – segnalati alla Camera di Commercio - è stata comminata una sanzione amministrativa.
Il settore del contrasto alla commercializzazione di prodotti non sicuri e del contrasto alle pratiche commerciali operate in violazione del “Codice del Consumo” è un ambito nel quale la Guardia di Finanza investe specifiche risorse al fine di garantire, da un lato, l’incolumità del consumatore finale, sottraendolo al rischio di poter entrare in contatto con articoli pericolosi e potenzialmente dannosi, e, dall’altro, la correttezza delle regole del mercato.