20/11/2019 12:42:00

Maxi sequestro di aglio rosso a Trapani: 52.600 kg

 Aglio rosso illegale. Maxi sequestro dei Carabinieri a Trapani. E' il risultato dell'operazione portata a termine dai Nas con il supporto dei militari dell'Arma della provincia di Trapani.

In un oleificio di Trapani sono stati scoperti 52.600 chilogrammi di aglio rosso, dal valore di 50 mila euro, privo di documentazione sulla tracciabilità. Nello stesso stabilimento oleario, che si occupava anche della lavorazione e del confezionamento dell'aglio, è stato sequestrato anche un locale e quattro container utilizzati per lo stoccaggio dell'aglio perchè abusivi e sprovvisti di registrazione sanitaria.Il titolare dell'azienda è stato sanzionato con una ammenda di 2500 euro. A Castelvetrano invece, i carabinieri hanno fatto sospendere le attività di una palestra perchè non rispettava i requisiti igienico strutturali. Ecco la nota.

Nella giornata di ieri, 19 novembre 2019, i Carabinieri del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Palermo, in collaborazione con i Reparti dell’Arma territorialmente competenti, hanno eseguito due distinte attività ispettive, presso un oleificio sito in Trapani e presso una palestra di Castelvetrano, che hanno condotto al sequestro di Kg. 52.600 di aglio rosso e alla sospensione a tempo indeterminato della citata attività sportiva.


Più nello specifico, in conclusione di un accesso ispettivo eseguito in collaborazione con la Stazione Carabinieri di Trapani, nell’ambito dei servizi predisposti per il controllo della “filiera dell’olio di oliva”, i militari operanti hanno proceduto al sequestro amministrativo di kg. 52.600 di aglio rosso per una valore di circa € 50.000,00, poiché privo della documentazione attestante la tracciabilità, nonché di un locale annesso allo stabilimento oleario adibito alla lavorazione e confezionamento dell’aglio e 4 containers utilizzati per lo stoccaggio del citato prodotto, poiché attivati abusivamente e, di conseguenza, sprovvisti della necessaria registrazione sanitaria. Per tali motivi, il legale responsabile dell’azienda è stato segnalato all’Assessorato Regionale per le Attività Produttive e all’A.S.P. di Trapani, in quanto competenti Autorità Amministrative, e dovrà corrispondere al pagamento di una sanzione amministrativa per complessive € 2.500,00.
In Castelvetrano, invece, i militari del NAS e della locale Stazione, a conclusione di accertamenti scaturiti da una pregressa ispezione presso una palestra, hanno richiesto ed ottenuto da quel Comune, la sospensione a tempo indeterminato della citata attività, poiché condotta in locali privi dei requisiti igienico strutt
urali.