06/02/2020 09:05:00

Sicilia, è ancora mistero sui sub trovati morti in mare. Si analizzano i tatuaggi

E' ancora mistero sui quattro sub morti nel mare siciliano e i 98 chili di hashish recuperati sulle spiagge di Castelvetrano, Cefalù, Capo d'Orlando, Marina di Ragusa e Marsala.

L'ipotesi è che un'imbarcazione trasportava droga e sia affondata e i sub sono morti nel tentativo di mettersi in salvo. Oppure i sub sarebbero stati utilizzati per recuperare i pacchi di droga, con gps, che viaggiano ancorati con le reti nelle chiglie delle navi.  Gli inquirento stanno analizzando i tatuaggi che i quattro sub avevano sul corpo.

Il fatto che non sia stata presentata nessuna denuncia di scomparsa rende più plausibile la tesi della pista illegale. L'ipotesi degli investigatori privilegia, quella di un grosso carico di hashish, che potrebbe essere naufragato a largo di Trapani. E  poi le correnti potrebbero essere riuscite a trascinare a Nord e a Sud gli scatoloni fatti in modo di poter per galleggiare.

Il primo cadavere ritrovato il 27 ottobre a 30 miglia dalla spiaggia di Cefalù, ha un tatuaggio sulla spalla destra, probabilmente una sigla, in quanto è evidente una N.

Sul secondo sub, rinvenuto in mare a Cefalù, in località Mazzaforno, il 31 dicembre, di età compresa tra i 40 e i 50 anni, indossava una muta da sub e sull'avambraccio destro aveva tatuata una stella.

L'altro, il terzo in ordine cronologico, è stato avvistato sulla spiaggia di Castel di Tusa, lo scorso 7 gennaio. Aveva addosso scarpe da tennis, era completamente scarnificato, con la calotta cranica vuota. I suoi taguaggi, un tribale sull'avambraccio sinistro, la sagoma di un pipistrello con alcune lettere illeggibili tra le scapole ed una lettera M sul braccio destro. 

L'altro sub, il quarto, è stato trovato morto in contrada Ginestra, a Trabia, lo scorso 15 gennaio. Ha il volto sfigurato e non è riconoscibile. Ha un tatuaggio sul pettorale sinisto con scritto «One Love», uno sulla clavicola destra con «Sorry Mama» e il simbolo dell'anarchia sul polso sinistro.