14/06/2020 06:00:00

Mastro Peppino, u scarparo e a truvatura /3

di Giacomo Laudicina

Cucì, tu cià diri a Mastru Pippino chi ti sunnasti arrè a truvatura.

U’nniri fissarie, Cucì, accussì chiddru mi rici di jucari o lotto milli lire e …ti salutu, … ci l’appizzai. A botta ri culu una vota sulu passa.

Cucì, tu cià diri accussì, …. chi ti sunnasti a truvatura e chi c’era u spiritu chi ti parlava e ti rissi chi pi spignarla unn’aviti chiù a jucari a lotto, picchì sennò i sordi r’oru si cangianu e addiventanu scocci ri babbaluci.

Cucì, mizzica, accussì bonu è, e poi chi ci’avvissimu a’ddire?

Senti cà, ave na pochi di iorna chi ci strummintiu ri ‘ncapo.

Parla, Cucì, sintemu!

Tu agghiri all’officina ri to cugnatu Matteo e a pigghiari un caddru chinu di sigatura di ottone, chi comu sbillicchia pari oru, poi pigghiamu na coffa ri mulu e a inchiemu ri pagghia e ‘ncapo ci mettemu a sigatura. A prima notti ri luna china cià facemu a viriri rintra u puzzu.

Rintra u puzzu? E quali puzzu, Cucì?

Eo pensava chi fussi bona pi l’occasione a funtana a Cariddrume, chiddra na scinnuta, chi è funnuta na para ri metri e astura è puru asciutta.

Si, e poi chi facemu, appena pigghiamo a coffa Mastru Peppino un’sì n’adduna chi unn’è oru!

Cucì, ti rissi chi cià facemu viriri, …. ma sulu a viriri però, …. e poi avà succeriri quacchi cosa chi ni n’amà scappari.

E c’avissi a succeriri?

Avà affacciari un fantasima chi vucia e chi duna zuttate a dritta e a manca.

Si, Cucì, accussi Mastru Pippinu ni mori drà stessu pu scantu, …. oppuru si un si movi, chi facemu?

Prima cià ma diri chi si pu scantu quaiccunu ri niautri si piscia ri ‘ncapu, amà scappari tutti, picchi a truvatura un si po' chiù spignari e u fantasima ‘nnammazza a tutti a lignati.

Si, e u fantasima cu l’avissi a fari?

Eo pinsava di ririccillu a Filippo Babbaluceddru chi sa fira a acchinari ‘ncapu i trampuli; ci mittemu un linzolu e un cappuccio biancu ri ‘ncapu e pari chi è avutu tri metri.

Cucì, lassa perdiri, chiddru ni mori pu scantu.

Ma quali scantu e scantu, ….. cucì, l’ha ma fari.

Non ci volle tanto a convincere Nardino.
Alla prossima luna piena di fine agosto mancavano una quindicina di giorni.
Avendo perfezionato il piano, dopo due giorni, all’alba, prima di andare a lavorare, Nardino bussò alla porta di Mastro Peppino.

Nardinu meu, chi c’è?... chi caristi ru lettu?....Ummi riri chi ti sunnasti arrè?

Si, Mastru Pippinu meo, arrè mi sunnai. Mi facissi assittari chi staio ancora trimannu tuttu.

Assettati, veni ca, cuntami tutti cosi.

Matri mia, Mastru Pippi, u biccheri r’acqua mav’a pigghiari chi haio a vucca sicca e ummà firu a parlari.

Teccà vivi, ora quetati e cuntami, araciu, araciu, tuttu u sonnu.

Mi sunnava chi c’era ventu, ma un ventu chi rufuliava tutti cosi, ed era ‘nzemmula a me cucino Nzino e arrivavamu davanti a un muru e un putiamu chiù ire avanti, ni giramu e vittimu, …. Mastru Pippinu meo, … chi scantu…..

Chi viristimu Nardì?

Vittimu a unu tuttu vistutu ri biancu, ‘ncappucciatu, avutu ammeno tri metri.

Minchia, chissu u Beatu Signuri è!! E…e parlava? Nardì, e …. e chi vi ricia?

Mastro Peppino cominciò ripetutamente a deglutire.

Ni rissi che si vuliti pigghiari a truvatura pi prima cosa unn’aviti chiù a jucari a lottu.
E Nzino ci ricia chi iddro unn’avia mai jucatu, …… però u Beatu Signuri ci l’avia cu Vossia.

Cu mia e … e picchì cu mia?

Ni rissi, viremu si sta specia ri Mastru sa fira a spignari u ‘ncatesimu, vistu chi di numari di jucari a lottu unnì capisci quasi nenti e, … si tinissi forti, … ni rissi chi … chi am’agghiri a pigghiari a truvatura ‘nzemmula a Vossia. …. U capiu Mastru Pippì? …ci am’agghiri cu Vossia. …. Eo, Nzino e Vossia. …. Sapia tutti cosi Mastru Pippì, …. chi ficimu ternu,…. chi sbagliamu a cinchina, …. di trimari. …. ci rico…. di trimari e basta.

Mastro Peppino era tutto agitato e, nella concitazione, bevve nello stesso bicchiere dove aveva bevuto Nardino.

E … e tu rissi u postu d’unn’è a truvatura?

Mu rissi? Ma fici a viriri, ……na coffa ranne china r’oro, Mastru Pippì, …. e mi rissi puro comu amà a fari pi pigghiarla, pi filu e pi signu.

E dunn’è?

A truvatura è dintra a funtana a Cariddrume e cumpari sulu na notti di luna china e chiddra appressu. Però mi rissi puru chi niautri cià m’agghiri sulu si a mezzanotte sentemu sunari a campana ra chiesa tri voti e chi si quaiccuno di niautri scappa o si fa ri ‘ncapu, i sordi r’oro addiventanu scocci ri babbaluci e u Beatu Signuri n’ammazza a lignati dra stessu.

Mastro Peppino era rimasto ‘ntamàtu, pallido in viso, si alzò e andò a guardare il calendario.

A luna china è fra unnici iorna. ….. Stasira dopo i novi veni cà cu Nzino e viremu comu a mà fari. Aspè Nardì,..comu mi rissi? Mi rissi ….sta specie ri Mastru? …..A mia? E chi jeu ri numari unnì capisciu nenti? …… A mia? ….. Nardì, ti giuru,…… appena sugnu funcia a funcia chu sta specie ri fantasima, cu na spignata l’ha fari iri ‘nfumo. Cià fari a viriri eo cu è Mastru Pippinu!

Si zittissi Mastru Pippì, unnu facissi gnirari chi è megghiu. Ora va pparlo cu Nzino e stasira e novi ni viremu cà.

Alle nove di sera Nardino e Nzino si presentarono a casa di Mastro Peppino.

Ci cuntasti tutti cosi, Nardì?

Tutti cosi ci cuntai, sulu chi umm’oli veniri cu niautri picchì si scanta.

Si, Mastru Pippi, mi scantu, …. eo cu sti cosi un ci vogghiu cummattiri. Mi scantu!

Niautri na ma scantari? ……. Ma chi dici Nzino meu, ….. E’ u Beatu Signuri chi appena ni viri sa va scantari.

Ma chi dici Vossia, ….. l’ha vistu mai un fantasima? Chiddru, pi sentilu riri, o n’ammazza o ni carrica ri sfurtuna pi tutta a vita.

Eo unnì l’haio vistu mai, ma sacciu comu si fa pi fallu andivintari bono bono o, si fa u capuzzello, ma firu puru a fallu iri ‘nfumu no na vampata.

Si alzò, aprì l’armadietto situato dietro il tavolino da lavoro, prese il cofanetto di legno e l’aprì.
Dentro vi erano conservati un aspersorio e un’ampolla per l’acqua santa in argento, due rametti di legno, dritti, lunghi una ventina di centimetri e un vecchissimo libello manoscritto, con caratteri amanuensi e con piccole illustrazioni disegnate in vari colori.

Nzino, u viri soccu c’è ca? ... Sì, pi cumminazione, u Beatu Signuri si fa viriri, a prima cosa ca ma fari è di ittarici ri ‘ncapu l’acqua biniritta; …. si iddru si ritira bonu bonu a bon ordine e va bè; ma si ‘nveci fa u strunzu e unni voli fari pigghiari a truvatura, ….. u viri sti bacchetti, …. sunnu ra stessa specie di arvulu chi ci ficiru a curuna o Signuri, ….se si mettinu vicinu a forma di cruci… Iddru si ni va ‘nfumu no na vampata.

E a Vossia cu ciù rissiru sti cosi?

Accussi c’è scrittu na stu libbro.

Quindi Nzino meu un t’ha scantari, ….. cecca ri pissuariti … ora.

Va bò, Mastro Pippì, dopo chiddru chi mi fici a viriri … mi sentu chiù tranquillu, …. mi pissuarì.

E allura organizzamuni e ghiemu a pigghiari sta truvatura. Rispose Nardino.

Bravi, accussì vi vogghio, beddri curaggiusi. Però tu Nardinu meo a fari na cosa.

Pallassi, Mastru Pippi, ca fari?

Tu duminica a matinu a gghiri ‘nchiesa e a gninchiri sta buccittina china ri acqua biniritta, picchì eo un ci pozzu iri, …..picchì sugnu sciarriato cu padri paracu, e poi ma porti cà. Ni sintemu du iorna prima da luna china e mi raccumannu acqua ‘mmucca, unnì’ccite nenti a nuddru.

Nardino e Nzino appena uscirono dalla casa di Mastro Peppino si scompisciarono dalle risate.

Cucì, abbuccau comu un pisci.

Si però u viristi chi unn’è pi nenti scantatu. La mà sturiari bona picchì sennò u capisci chi c’è quaicchi cosa cun quadra.

Ni viremu dumani pomeriggiu e organizzamu tutti cosi.

L’indomani i due cugini andarono a parlare con l‘amico Filippo e gli prospettarono l’idea che avevano in mente. Filippo si mostrò subito d’accordo, ma avanzò delle remore sul fatto che camminare al buio sui trampoli su una strada sconnessa gli avrebbe potuto causare una caduta accidentale. Allora a Nzino venne l’idea che i fantasmi dovevano essere, non uno, bensì tre: uno sui trampoli che doveva stare fermo a una distanza di venti, trenta metri e altri due che, invece, dovevano essere liberi di muoversi. Si convenne tutti assieme di coinvolgere nella faccenda due fratelli, amici fidati, che erano bravissimi nello schioccare la frusta, a zotta ru cavaddro, e altri due amici, anch’essi fidati, di cui uno doveva suonare la campana a mezzanotte e l’altro doveva fare rumore con una catena nascosto tra le vigne nei pressi della fontana. Nardino, per pianificare i dettagli del piano, convocò tutti al circolo, dove si trovarono d’accordo sulle modalità e i tempi dello scherzo da inscenare. Giurarono di non svelare a nessuno della messinscena. Nzino, inoltre, raccomandò espressamente ai due fratelli di limitarsi a far schioccare a zotta a vuoto e di non colpire in nessun modo Mastro Peppino.

Nardino ebbe cura di andare a prendere la segatura di ottone all’officina di suo cognato Matteo; segatura ottenuta dalle forature delle lastre di ottone che si utilizzavano allora nelle pigiatrici di uva. Fecero cucire i cappucci e le lenzuola ed infine prepararono la coffa con la paglia sotto e la segatura di ottone sopra.

Il pomeriggio della domenica successiva dopo avere, a casa sua, riempito l’ampolla d’acqua, Nardino gliela portò a Mastro Peppino.

Nardì, eu sugnu preuccupatu pi Nzino, chissu mi scantu chi ni cummina quaichi cosa. U viristi comu trimava, ….. si quannu amà pigghiari a truvatura e n’affaccia u Beatu Signuri, mi scantu chi chissu scappa o si fa ri ‘ncapu e addiu truvatura.

Effettivamenti puru eo avia pinsatu a una cosa ri chissa.

Tu quannu u viri facci sempri curaggiu, mi raccumannu.

Finalmente arrivò il giorno di luna piena. Nel primo pomeriggio, come concordato in precedenza, i due cugini andarono a casa di Mastro Peppino. Lo trovarono che non stava in sé, era elettrizzato.

Fine terza parte.



https://www.tp24.it/immagini_banner/1599668229-ct-23.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1599840395-amministrative-2020-consigliere.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1599217260-settembre-2020.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1600701005-amministrative-2020-consigliere.jpg