Quantcast
×
 
 
25/03/2023 20:00:00

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi"

Non strumentalizziamo gli esempi. La vita è sorprendente ma dovere andare in 'soccorso' di Pier Paolo è strano e i puristi gnoseologici dell'intellettuale saranno inorriditi. Nei giorni passati la senatrice Gojc del Pd in relazione alla 'strage' di Cutro ha rammentato il teorema del bolognese esplicitato in un editoriale sul Corriere della Sera datato novembre 1974 dal titolo, ovviamente per altre vicende, Cos'è questo golpe? Io so

Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato "golpe" (e che in realtà è una serie di "golpe" istituitasi a sistema di protezione del potere).
Io so i nomi dei responsabili della strage di Milano del 12 dicembre 1969.
Io so i nomi dei responsabili delle stragi di Brescia e di Bologna dei primi mesi del 1974.
Io so i nomi del "vertice" che ha manovrato, dunque, sia i vecchi fascisti ideatori di "golpe", sia i neo-fascisti autori materiali delle prime stragi, sia infine, gli "ignoti" autori materiali delle stragi più recenti.

Io so i nomi che hanno gestito le due differenti, anzi, opposte, fasi della tensione: una prima fase anticomunista (Milano 1969) e una seconda fase antifascista (Brescia e Bologna 1974).
Io so i nomi del gruppo di potenti, che, con l'aiuto della Cia (e in second'ordine dei colonnelli greci della mafia), hanno prima creato (del resto miseramente fallendo) una crociata anticomunista, a tamponare il '68, e in seguito, sempre con l'aiuto e per ispirazione della Cia, si sono ricostituiti una verginità antifascista, a tamponare il disastro del "referendum".
[...]
Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.

Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà, la follia e il mistero. Tutto ciò fa parte del mio mestiere e dell'istinto del mio mestiere. Credo che sia difficile che il mio "progetto di romanzo", sia sbagliato, che non abbia cioè attinenza con la realtà, e che i suoi riferimenti a fatti e persone reali siano inesatti. Credo inoltre che molti altri intellettuali e romanzieri sappiano ciò che so io in quanto intellettuale e romanziere.
Probabilmente i giornalisti e i politici hanno anche delle prove o, almeno, degli indizi.

Ora il problema è questo: i giornalisti e i politici, pur avendo forse delle prove e certamente degli indizi, non fanno i nomi.
A chi dunque compete fare questi nomi? Evidentemente a chi non solo ha il necessario coraggio, ma, insieme, non è compromesso nella pratica col potere, e, inoltre, non ha, per definizione, niente da perdere: cioè un intellettuale.
Un intellettuale dunque potrebbe benissimo fare pubblicamente quei nomi: ma egli non ha né prove né indizi.

Il potere e il mondo che, pur non essendo del potere, tiene rapporti pratici col potere, ha escluso gli intellettuali liberi - proprio per il modo in cui è fatto - dalla possibilità di avere prove ed indizi.
Mi si potrebbe obiettare che io, per esempio, come intellettuale, e inventore di storie, potrei entrare in quel mondo esplicitamente politico (del potere o intorno al potere), compromettermi con esso, e quindi partecipare del diritto ad avere, con una certa alta probabilità, prove ed indizi.
[...]

Il coraggio intellettuale della verità e la pratica politica sono due cose inconciliabili in Italia.
La Meloni citando la collega ha ricordato che vivendo in un uno stato di Diritto, le accuse vanno suffragata dalle prove, corretto, ma il j'accuse Pasoliano fu principalmente politico che giudiziario, lo stesso a cui si riferiva un suo esempio di legalità Borsellino quando affermò: "L’equivoco su cui spesso si gioca è questo, si dice: quel politico era vicino a un mafioso, quel politico è stato accusato di avere interessi convergenti con l’organizzazione mafiosa, però la magistratura non l’ha condannato, quindi quel politico è un uomo onesto. Eh no! Questo discorso non va perchè la magistratura può fare soltanto un accertamento di carattere giudiziale.

Può dire che ci sono sospetti, ci sono sospetti anche gravi, ma io non ho la certezza giuridica, giudiziaria che mi consente di dire che quest’uomo è mafioso. Però, siccome dalle indagini sono emersi tanti fatti del genere, altri organi, altri poteri, cioè i politici, cioè le organizzazioni disciplinari delle varie amministrazioni, cioè i consigli comunali, o quello che sia, dovevano già trarre le dovute conseguenze da queste vicinanze tra politici e mafiosi che non costituivano reato, ma rendevano comunque il politico inaffidabile nella gestione della cosa pubblica". La verità politica e giuridica sui fatti narrati dallo scrittore la conosciamo.

Vittorio Alfieri



Native | 2023-06-06 11:07:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Frappo: l'eleganza in rosa della Cantina Caruso & Minini

In questa primavera, quando l'inverno lascia finalmente il posto alla rinascita, c'è un vino che ci fa vestire di rosa.  Stiamo parlando di Frappo, il nuovo rosè della Cantina Caruso & Minini, che per i winelovers si appresta...

L'Alfiere | 2023-06-07 22:00:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

La Russa e il suo "Niente di più, niente di meno"...

 Niente di più, niente di meno. È la richiesta della seconda carica dello Stato il presidente del Senato La Russa, nel giudizio del suo operato, del partito d'appartenenza e della maggioranza. Rammenta Violante come esempio che...

L'Alfiere | 2023-06-06 09:40:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Femminicidi, non servono solo le panchine rosse...

Non solo panchine rosse. È all'onore delle cronache l'ennesimo femminicidio, stavolta è toccato a Giulia Tramontano. L'omicidio, confessato dal fidanzato Alessandro Impagnatiello, è reso ancora più efferato perché...