Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
19/05/2017 00:00:00

San Vito Lo Capo, con l'arrivo dell'estate stop ai rumori e agli abusivi

Inizia la stagione estiva e il Comune di San Vito lo Capo pone dei limiti ben precisi a rumori molesti e venditori abusivi, al fine di rendere il più piacevole possibile la vacanza a quanti sceglieranno il paese – e le frazioni di Makari e Castelluzzo – per le loro vacanza.

"Non si tratta di far la guerra ad alcuno – dice il sindaco Matteo Rizzo – ma di far rispettare le regole per assicurare serenità e ordine".
Con l'ordinanza sindacale numero 8 del 16 maggio, valida fino al prossimo novembre, l'Amministrazione intende arginare principalmente due situazioni che negli ultimi anni sono state spesso motivo di lamentele da parte dei turisti: la eccessiva rumorosità in occasione di eventi o di lavori, e la ingombrante presenza di venditori abusivi.
Per quanto riguarda i "rumori" che possano disturbare la quiete pubblica, l'ordinanza fissa limiti inderogabili sia per quanto riguarda le fasce orarie, sia per i decibel. In particolare i lavori mediante l'uso di strumenti e mezzi meccanici non potranno essere svolti dalle ore 13,00 alle 16,00 e dalle 20,00 alle 09,30 del giorno successivo; escavatori, ruspe e similari non potranno essere impiegati dalla 13,00 alle 09,30 del giorno successivo. "In questa maniera – dice il sindaco Rizzo – si intende assicurare il riposo dei turisti, senza bloccare l'attività delle imprese impegnate in lavori edilizi”.

Attenzione accurata viene riservata alla musica che a volte raggiunge livelli in grado di disturbare la quiete notturna: “Le attività di intrattenimento danzante, di pubblico spettacolo e i pubblici esercizi potranno effettuare, all'interno dei locali o su suolo pubblico o demaniale, se regolarmente autorizzati – si legge fra l'altro nell'ordinanza – piccoli trattenimenti musicali con uso di impianti elettroacustici, durante tutti i giorni della settimana: l'attività musicale potrà andare dalle ore 17,30 alle 00,30 durante la settimana, e dalle 17,30 alle 01,30 nelle serate di venerdì e sabato, a condizione che siano rispettati i limiti acustici vigenti”. Attualmente il Comune di san Vito lo Capo si trova in regime transitorio in attesa del Piano di classificazione acustica del territorio, e dunque l'ordinanza troverà limite temporale nella data di approvazione di questo Piano. Sono previsti controlli sulla effettiva rispondenza degli impianti elettroacustici alla possibilità di non superare il volume massimo consentito.

In merito al commercio ambulante itinerante e in posto fisso vengono ribaditi obblighi e divieti: i titolari di autorizzazione al commercio ambulante in posto fisso su area pubblica dovranno, tra l'altro tenere costantemente pulita e libera da ingombri l'area, mentre è tassativamente vietato esporre a terra la merce e fare uso di apparecchi acustici e sonori o annunciare con grida e clamori la qualità e il prezzo delle merci. Resta vietato il commercio ambulante in forma itinerante nelle spiagge e arenili del territorio, nella zona a traffico limitato e nella Baia Santa Margherita. Infine nell'esercizio del commercio in sede fissa è tra l'altro vietato fare pubblicità mediante distribuzione di pieghevoli e menù per strada e ricorrere a forme di pubblicità tipo “uomo – sandwuich”.

“Siamo convinti che la grande bellezza di San Vito vada difesa anche dando precise indicazioni sui comportamenti da tenere in occasione di eventi ricreativi e del commercio ambulante – dice Matteo Rizzo – e questo per il benessere di tutti quanti, turisti e residenti. Il paese ci viene invidiato per le bellezze del territorio, desideriamo lo sia anche per la serenità che regala a chi lo sceglie quale sede della propria vacanza”. 

Ti potrebbe interessare anche: