08/08/2010 08:17:15

Turano dispone l’istituzione dell’Osservatorio dell’Ente, per la legalità, moralità e trasparenza

Si tratta, in particolare , dell’Osservatorio delle legalità , della moralità e della trasparenza dell’attività amministrativa, dei politici locali e dell’alta burocrazia provinciale. Le finalità dell’Osservatorio illustrate dal presidente Turano durante la seduta consiliare del 5 agosto 2010, sono quelle di creare una -banca dati- di taluni importanti elementi informativi, concernenti gli amministratori e gli alti burocrati dell’Ente, con particolare riguardo alle informazioni relative agli aspetti penali individuali che possono influire, direttamente o indirettamente, sull’esercizio delle cariche amministrative e delle funzioni dirigenziali. In tale contesto, si fa riferimento in particolare, alle eventuali condanne definitive riportate, alle sentenze di condanna a seguito di patteggiamento, alle decisioni di rinvio a giudizio, alle informazioni di garanzia e ad ogni altro pronunciamento giudiziario di rilevanza penale. Inoltre confluiranno in tale banca dati, altre informazioni che interessano tanto gli amministratori, quanto i dirigenti, ritenute importanti ai fini del corretto e puntuale esercizio sia del ruolo politico che del vertice burocratico. Si fa riferimento, a tale riguardo, alle funzioni professionali esercitate normalmente dagli amministratori e alle eventuali refluenze delle stesse, sulla carica politico- amministrativa, alle cariche rivestite nell’ambito di ditte e aziende private ,strutture convenzionate , agli eventuali rapporti di parentela o di affinità, con titolari o amministratori di ditte o strutture private che abbiano rapporti con la Provincia, ad ogni altra situazione che, potenzialmente, potrebbe configurare una condizione di illegittimità o di scarsa trasparenza ai fini dell’esercizio delle cariche e delle funzioni rivestite. Un altro ambito d’osservazione è costituto dagli elementi che caratterizzano la trasparenza e l’imparzialità dell’azione amministrativa. Formeranno oggetto di osservazione in particolare, tutte le condotte amministrative e le funzioni gestionali dirigenziali che possono incidere sulla trasparenza e sulla legalità dell’attività amministrativa. Altre finalità dell’Osservatorio sono costituite dai seguenti obiettivi:

1) realizzare un’anagrafe completa degli amministratori e dei dirigenti attraverso la creazione di una banca dati esauriente ed eventualmente accessibile nel rispetto delle norme che regolano la tutela dei dati personali

2) la predisposizione di un codice etico da applicare agli amministratori e dirigenti, contenente basilari principi etici a cui dovranno attenersi gli amministratori e dirigenti, nell’esercizio delle rispettive pratiche. Particolarmente significativo è inoltre, l’indirizzo amministrativo di affidare all’Osservatorio anche la verifica delle condizioni di legalità e trasparenza delle procedure d’appalto nonché le verifiche di fatti ed evenienze negative, eventualmente rappresentati attraverso esposti anonimi. “In tanti si chiederanno- dice il presidente Turano- quale obiettivo si prefigge l’Osservatorio. Dico subito che l’obiettivo fondamentale -risponde il presidente Turano – è quello di garantire le normali condizioni di legalità, trasparenza e di moralità , attraverso la verifica delle condizioni e dei presupposti ritenuti basilari, ai fini del corretto esercizio delle cariche e delle funzioni. Ovviamente- continua il presidente Turano- , qualora l’Osservatorio dovesse accertare che tali condizioni venissero disattese , verrebbero adottate le misure di -ripristino e di riequilibrio- ritenute necessarie ., a secondo dei singoli casi e delle evenienze negative riscontrate e comunque nel rispetto delle procedure previste dalla legge . l’organizzazione dell’Osservatorio relativo alla presidenza e ai dirigenti -conclude il presidente Turano- verrà immediatamente attivata, in esecuzione delle direttive da me impartite mediante definizione della relativa disciplina , con il supporto del settore – Organizzazione- diretto dalla dott.ssa Stella Marino. Mentre, la sezione dell’Osservatorio relativa ai consiglieri , dipenderà dalle direttive che la presidenza del consiglio provinciale impartirà, ove lo riterrà opportuno”.