14/10/2010 10:46:29

Consiglio provinciale: proteste, sanzioni ambientali e commemorazione dei soldati uccisi in Afghanistan

attivazione già precedentemente sollecitata dall’esponente del gruppo del PD. La protesta è però rientrata nel giro di pochi minuti grazie all’intervento del Presidente del Consiglio, Peppe Poma, che si è impegnato ad accelerare, con la collaborazione del Segretario Generale dell’Ente, l’iter delle procedure in questione.

Per quanto concerne i lavori veri e propri della riunione, da segnalare che il Consiglio Provinciale, oltre alle comunicazioni e allo svolgimento della consueta attività ispettiva, su proposta del capogruppo dell’UDC, Giuseppe Carpinteri, ha proceduto al prelievo (a maggioranza) e alla successiva approvazione, alla unanimità, del “Regolamento per l’applicazione delle sanzioni amministrative in materia ambientale di competenza provinciale”.

Questo regolamento, composto da 7 articoli, elaborato dalla Commissione Consiliare Permanente Affari Generali, Regolamenti e Personale presieduta da Giuseppe Peraino, disciplina le procedure per l’irrogazione delle sanzioni amministrative pecuniarie previste per le violazioni di precetti correlati a materie di competenza ambientale della Provincia Regionale, ai sensi e nel rispetto delle disposizioni di legge. Il regolamento, che è stato adottato sulla base del testo unico dell’ordinamenti degli enti locali, che attribuisce alle Province autonomia normativa in materie di propria competenza, entrerà in vigore e sarà immediatamente esecutivo decorsi trenta giorni dalla prescritta pubblicazione all’Albo Pretorio.

In avvio di seduta, l’Aula ha osservato 1 minuto di silenzio e di raccoglimento in memoria dei 4 alpini italiani uccisi sabato scorso in Afghanistan la cui commemorazione è stata fatta dal Presidente Poma.

Si ricorda che il Consiglio Provinciale di Trapani tornerà a riunirsi il 21 ottobre p.v. con inizio alle ore 16,30. Infatti, la riunione precedentemente fissata per lunedì 18 è slittata al giorno 25, sempre del corrente mese di ottobre, per consentire la partecipazione alla concomitante Assemblea Nazionale delle Province Italiane che si terrà a Catania.