24/12/2010 11:38:12

Sequestrati 10.000 giocattoli di produzione cinese

Il gestore è stato denunciato a piede libero all’autorità giudiziaria per frode nell’esercizio del commercio, introduzione nel territorio italiano e vendita di prodotti industriali con segni mendaci e ricettazione. Numerosi giocattoli e prodotti recavano la sigla CE - inteso come Chine export - che poteva essere scambiata con quella della Comunità Europea. L’acquisto di articoli non sicuri, rilevano gli investigatori, può determinare effetti indesiderati. Nel caso di prodotti che entrano in contatto con i bambini non è escluso il rischio di lacerazioni, tagli, ferite, danni alle articolazioni ed ingestione di materiali spesso tossici. Questa merce, infatti, non viene sottoposta ai preventivi controlli da parte delle autorità competenti. “L’intervento - si legge in una nota diffusa dagli investigatori - s’inquadra nell’ampia azione di prevenzione condotta dal corpo quale polizia economico-finanziaria, da tempo impegnato anche nell’azione di sensibilizzazione dell’opinione pubblica su un tema di stretta attualità, come quello della tutela della salute del consumatore che, in ambito sia nazionale sia comunitario, prevede la certificazione di ogni singolo prodotto, anche di produzione extracomunitaria, contenente l’indicazione obbligatoria del marchio della Comunità Europea”.