02/02/2011 21:00:00

Leira, una poesia che piacerebbe a Silvio

Te la presento:

E’ ‘na picciotta Leria

di circa sidici anni,

briusa, sempri alleghira

ch’ ‘un ‘havi mai malanni.

E’ la so facci florida;

ncarnati li mascidd(r)i,

l’occhi chi sempri ridinu,

chi mannanu faidd(r)i.
Abballa, joca, sauta,

abbrazza, strinci e vasa,

e comu ‘na girannula

va sempri casa casa.

Mmesti ntra seggi, e truppica

si curri, si camina,

e spissu rumpi chicari,

sdirrupa tavulina.
Quannu mi veni un pasimu

l’anima a cummigghiari,

nni la briusa Leria

mi vaju a straviari.
Mi ridi idd(r)a vidennumi,

e tutta focu e sbrizzi

mi nesci pri lu giubilu

li seggi e li firlizzi.(1)

 

(1) Espressione di massima amabilità ed accoglienza.
Vincenzo Zerilli, Poesie siciliane pubblicate in Marsala nel 1861, Off. Tip. F. De Dia, pag. 133

Elio Piazza