22/11/2012 05:18:34

Adamo, Marrocco, Oddo, Scilla, Ferrara, Lo Giudice: anche se non sono più deputati, prendono ancora lo stipendio

 Anzi, neanche piangono. Perchè non solo si beccano la maxi buonauscita come quota di "reintegro" nella società dopo il periodo di "carcerazione" all'Ars, ma adesso si scopre che sono stati regolarmente pagati per tutti i mesi dallo scioglimento dell'Ars fino a ...ieri. Agosto, Settembre,Ottobre e Novembre. Incredibile. Il costo per la Regione Siciliana degli stipendi degli ex deputati è di 1,3 miloni di euro. Ma se sono ex com'è che vengono pagati? Semplice, fin quando non si insedia l'Ars i deputati regionali della cessata legislatura vengono considerati ancora in carica.  Ora, si è votato il 28 Ottobre. E quindi fino a quella data prendevano lo "stipendio". Poi, però, siccome nei Tribunali non ci sono i soldi per pagare gli straordinari ai dipendenti, la verifica dei voti è andata a rilento, come nelle Filippine. E la proclamazione ufficiale degli eletti si è avuta soltanto martedì 20 Novembre, a tre settimane dal voto. Dalla proclamazione il presidente Rosario Crocetta avrà 20 giorni di tempo per chiedere la convocazione della prima seduta. Fino ad allora (probabilmente dicembre) gli ex deputati sono pagati come se fossero ancora in carica! Prenderanno tutto, anche i gettoni extra, senza mai aver lavorato un minuto. Si chiama, tecnicamente, "prorogatio".

Appena entreranno i nuovi onorevoli, saranno loro ad essere pagati, al posto dei vecchi. 

Ricordiamo sempre quanto guadagnano: l'indennità è di 5.101 euro netti. Più la diaria di 3.500 euro. E questa è la base. Poi ci sono i capigruppo, i presidenti di commissione, etc., che maturano altre indennità aggiuntive.  Ad esempio un presidente di commissione guadagna 2000 euro in più al mese, un vicepresidente 522. Un deputato questore 2924 euro. Camillo Oddo, che è uno dei due vicepresidenti intasca al mese circa 3000 euro lorde in più. L'unico sollievo è che a Novembre, quanto meno, ai deputati non verranno pagate le spese di trasporto e quelle telefoniche. Ma avranno diritto a 300 euro circa di rimborso di spese benzina. Tutto compreso, come dicevamo,per le casse dell'Ars sono 1 milione e 300.000 euro al mese. A parlamento chiuso.

A ciò si aggiunge la "liquidazione" per i non confermati. E' l'assegno di "solidarietà"  che si ottiene moltiplicando l'80% dell'ultima mensilità per i numeri di anni di presenza all'Ars.