24/12/2012 05:31:46

Lucchese, deputato per tre giorni: per lui 35.000 euro

Ha infatti battuto un singolare e non invidiabile record: ha fatto il deputato per tre giorni, e guadagnerà....35.000 euro. 

 Lucchese, diciottesimo nella lista siciliana del Pdl, si è insediato alla Camera qualche giorno prima dello scioglimento. Ha partecipato in toale a tre sedute: il 22 Dicembre, infatti, le Camere sono state sciolte dal Presidente della Repubblica Napolitano. Ma Lucchese sarà pagato fino a marzo, incassando 35 mila euro netti, cioè poco più di 12.000 euro al mese.

La notizia ha fatto il giro d'Italia, è ovvio. E' tanti commenti arrivano anche dalla città di Lucchese, Alcamo, dove si dice che l'onorevole "devolverà l'incasso di questi tre mesi in beneficenza". Ma rispetto a questa indiscrezione non è arrivata alcuna conferma dal diretto interessato. 

Lucchese è stato già deputato dal 1994 al 2008. Politico di lungo corso - classe 1935 - ha ricoperto ultimamente pure l'incarico di assessore al Comune di Valderice. Alle ultime elezioni regionali si è "speso" per Francesco Regina, suo concittadino, che si è candidato, senza successo, nella lista del "Partito dei siciliani - Mpa".  Alle ultime elezioni amministrative, ad Alcamo, ha dato incidazioni di voto al ballottaggio verso Niclo Solina, che ha perso per un pugno di voti. 

 Lucchese è entrato a Montecitorio a causa delle  dimissioni da deputato di Nino Lo Presti, esponente di Fli nominato nel Consiglio di giustizia amministrativa. Un atto che ha fatto scorrere la lista del Pdl, dove Lo Presti era stato eletto nel 2008, fino al diciottesimo posto: nel frattempo infatti altri tre parlamentari hanno lasciato l'incarico e un quarto - Gaspare Giudice - è deceduto. Toccava proprio a Lucchese subentrare.

Si è iscritto al sottogruppo dell'Mpa alla Camera: dopo aver ricordato di essere presidente del movimento "federazione autonomista " ha parlato di "una scelta dettata dall'affinità delle idee del movimento che presiedo, che si ispira a valori cattolico-liberali di impronta autonomista, con i principi dell'Mpa". A differenza che in passato, il parlamentare di Alcamo non potrà far valere questa fugace presenza nella legislatura per rendere più ricco il vitalizio di cui già usufruisce (5.305 euro al mese). La modifica del sistema previdenziale - da retributivo a contributivo - non muterà di molto l'assegno di Lucchese.