17/08/2013 06:49:00

Gli interessi in Puglia di Vito Tarantolo, prestanome di Messina Denaro

 Arrivano fino in Puglia, ad Alberobello, gli interessi di Vito Tarantolo, l'imprenditore di Gibellina ritenuto uno dei prestanome di Matteo Messina Denaro.

 Sulla vicenda, che ha portato - insieme ad altre gravi irregolarità riscontrate - al commissariamento del Credito Cooperativo di Alberobello, la città dei trulli, indagano ben due Procure, Trapani e Bari. Andiamo con ordine.

Vito Tarantolo (1946) è un imprenditore edile che ha fatto davvero tanta fortuna, mettendo su, negli anni un impero economico che è stato sequestrato un anno fa dalla Questura di Trapani (gli uffici della Divisione Anticrimine guidati da Peppe Linares, oggi trasferito a Napoli...):  venticinque milioni di euro. Secondo le indagini la caratura criminale di Tarantolo  emerge dalle inchieste giudiziarie che portarono alla cattura, nel febbraio 2001, del capo mandamento Vincenzo Virga. Piu' di recente, nel 2007, in occasione della cattura dei capimafia palermitani Salvatore e Sandro Lo Piccolo, furono trovati dei pizzini scritti da Matteo Messina Denaro in cui si faceva riferimento a Tarantolo. Era lui l'uomo scelto per aggiudicarsi la costruzione della rete di recinzione dell'aeroporto Falcone e Borsellino di Palermo.

L'imprenditore era stato arrestato nel 1998 quando le intercettazioni ambientali negli uffici di alcuni professionisti svelarono le collusioni fra imprenditori, mafiosi e politici. Tarantolo patteggio' una condanna a un anno e sei mesi per favoreggiamento. Nonostante la pena l'imprenditore non avrebbe cambiato frequentazioni e abitudini tanto da essere bollato come socialmente pericoloso. Attorno all'impresa a lui riconducibile, la Cogeta, Tarantolo avrebbe costruito un reticolo di aziende capace di aggiudicarsi una lunga serie di appalti. Sono finite, tutte o in parte. sotto sequestro. Eccole: Cogeta, Cogeco società cooperativa, ditta individuale Tarantolo Vito, Elimi costruzioni, Ipac, Marconi srl, Monte San Giuliano srl, Porto San Francesco, Gav costruzioni, Imedil. Sotto sequestro anche 82 immobili e una sfilza di conti correnti bancari.

Proprio la Monte San Giuliano Srl, costituita nel 2005, con oggetto l'esercizio di attività edili,  riserva qualche sorpresa, e porta dritto dritto ad una banca pugliese: il Credito cooperativo di Alberobello e Sammichele,  dove una socia di Vito Tarantolo era consigliera di amministrazione. E' proprio per questo che l' istituto di credito da più di un mese è stato commissariato d'urgenza dalla banca d'Italia. Sulla carta la società era  a Maria Grazia Susca e dopo venduta in parte (e in due tranche) a Giuseppe Ruggirello, uomo di Tarantolo, e Ferdinando Sortino. Proprio la signora Susca era un consigliere di amministrazione della Banca di credito cooperativo di Alberobello.

Per questo scatta immediata la segnalazione a Banca d'Italia. Il 12 Giugno scorso l'area vigilanza di Bankitalia  propone in una relazione lo scioglimento degli organi con funzioni di amministrazione e controllo dell'istituto di credito. Si scopre, ad esempio,  che Susca aveva la possibilità di operare sul conto corrente di sua sorella, di professione impiegata. E che, su quel conto corrente, c'è stato un aumento di disponibilità liquida di due milioni di euro in sette anni. 

Il sospetto degli investigatori è che quei soldi possano essere riconducibili in qualche maniera a Tarantolo. La banca nel frattempo è stata commissariata, per questa ed altre irregolarità.  Il Ministro dell'Economia e delle Finanze, con decreto del 19 giugno 2013, ha disposto, su proposta della Banca d'Italia, lo scioglimento degli organi. La proposta è stata formulata a seguito delle risultanze di accertamenti ispettivi avviati da questo Istituto che hanno fatto complessivamente emergere gravi irregolarità nella amministrazione e gravi violazioni normative. Sono stati nominati gli organi straordinari nelle persone dei dottori Roberto Santomassimo, Giuseppe Tammaccaro, quali Commissari straordinari, e di Leonardo Patroni Griffi, Sabino Filippini, Domenico Posca come componenti del comitato di Sorveglianza". 



https://www.tp24.it/immagini_banner/1600803520-audi-set.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1599840395-amministrative-2020-consigliere.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1600331628-sposa-2021.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1600693129-amministrative-2020-consigliere.jpg