26/10/2013 09:44:00

Ancora scritte inneggianti a Matteo Messina Denaro sulla Statale 115

Altre scritte inneggianti Matteo Messina Denaro, il super latitante di Castelvetrano. Non è la prima volta che succede. Sono comparse ieri in una cabinetta sulla statale 115 che collega Mazara del Vallo a Campobello di Mazara. A scoprire la scritta sono stati alcuni autisti che passavano da quella strada molto trafficata.
Le scritte riportavano, una : “Matte M.D. Grande”, e l’altra “Matte. M. Dena. Se può mi dia una mano. Il Signore la conservi a lungo in salute e con amore. Con lei sempre". Insomma, il gabbiotto è stato tappezzato di queste scritte. Ci si interroga adesso se queste scritte sono opera di semplici balordi o chiari messaggi da parte di fanatici del boss superlatitante. Non è la prima volta che in questo territorio compaiono scritte del genere. E soprattutto in strade molto trafficate. L’ultima volta è successo lo scorso anno a Castelvetrano, sulla statale 119 e poi in una delle gallerie in prossimità dello svincolo per S.Ninfa, sulla A29.
“Le scritte apparse ieri e inneggianti al boss Matteo Messina Denaro - ha detto il senatore del Pd Giuseppe Lumia - sono il segnale preoccupante del consenso di cui gode il capo di Cosa nostra. L'unica risposta che bisogna dare è la sua cattura e il suo isolamento, che deve partire da uno Stato capace di recidere il sistema delle collusioni presenti al suo interno, dal mondo delle imprese con la denuncia del racket delle estorsioni, dalla società civile e dalle comunità locali che rifiutano la cultura mafiosa e, perchè no, dagli stessi familiari del boss”.