09/06/2014 06:30:00

Al Comune di Trapani non conoscono Google News. E la rassegna stampa costa 4.300 euro...

Se a Marsala l’amministrazione Adamo non conosceva Google Maps, e ha dato l’ok per le mappe alla Geoplan, a Trapani sembra che non conoscano il servizio Google News Alert, cioè il servizio gratuito di Google che ti permette di ricevere ogni giorno, gratuitamente, tutte le notizie on line relative ad un oggetto di ricerca che ti interessa. Ad esempio "Trapani", o "Vito Damiano"...
In ogni Comune, ogni giorno, l’ufficio stampa predispone la rassegna stampa delle notizie che riguardano l’amministrazione comunale, o qualunque altra notizia che interessi l’ente: dai bandi alle normative tributarie, alle note politiche dei consiglieri comunali, alle notizie su quello che succede in città. Tutto. Sia con i giornali cartacei che con quelli online. Ogni mattina l’addetto stampa ricevuti i giornali, fa il collage, e lo trasmette alla giunta. A Trapani hanno pensato di comprare un servizio di ricerca per ricevere le notizie che riguardano l’Ente. Si tratta di un servizio a pagamento. Costa 4.368 euro. Mentre il servizio del colosso di Mountain View è totalmente gratuito. Inoltre con la funzione Google Alerts, indichi gli argomenti su cui vuoi avere notizie sempre aggiornate e li ricevi direttamente sulla tua casella mail. Questo è quello che offre Google. Ma a quanto sembra al Comune di Trapani non lo sanno. E con 4.368 euro l’amministrazione guidata da Vito Damiano ha comprato un servizio personalizzato di rassegna stampa multimediale dalla 109press di Messina. L’acquisto viene premesso dal fatto che “l’ufficio sito internet ha il compito di effettuare una rassegna stampa al fine di monitorare il livello di soddisfazione dell’opinione pubblica, nonchè di seguire il flusso di comunicazione da e verso l’Amministrazione Comunale”. La rassegna stampa prima dell’acquisto del servizio dall’agenzia di Messina, veniva effettuata “in forma tradizionale con notevole dispendio di tempo e di impiego di personale”, si legge nella delibera. Inoltre, spiega il documento, “tramite tale servizio gli articoli vengono selezionati da un set di parole chiave scelte di concerto con l’amministrazione comunale, al fine di personalizzare sia l’oggetto della rassegna che le tipologie di fonti da seguire sette giorni su sette”. E ogni giorno si dovranno avere informazioni su questi argomenti: Sindaco di Trapani, giunta, consiglio comunale, tematiche generali di politica/economia/cronaca sia in ambito locale che regionale, normativa comuni. Il servizio è stato testato prima di essere comprato, per circa un mese, per valutarne l’efficacia. Ma nessuno si è accorto che forse poteva smanettare un po’ con Google e avere quasi la stessa cosa, risparmiando qualche migliaio di euro?