Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
05/05/2015 02:25:00

Ridurre la violenza sulle donne. 40 giovani da tutta Europa a convegno a Santa Ninfa

Sono  40 i giovani che si riuniranno a Santa Ninfa, in provincia di Trapani, fino a martedì 12 maggio. Verranno dall'Italia, dalla Bulgaria, dalla Turchia e dalla Spagna per parlare della condizione della donna nella società europea. L'occasione è quella del progetto “Women in Europe. Erasing violence against women”, promosso dall'associazione H.R.Y.O. Human Rights Youth Organization, finanziato dall'Agenzia Nazionale per i Giovani all'interno del programma europeo Erasmus Plus e con il patrocinio del comune di Santa Ninfa. Otto giorni ricchi di incontri, conferenze ed attività per prevenire la violenza sulle donne, specialmente quella online. Anche su internet infatti ormai si è diffusa una violenza scritta che registra ogni giorno discriminazioni ed offese sulla base della differenza di genere. “L'idea è quella di spingere i partecipanti a riflettere sulla condizione della donna per analizzare le problematiche esistenti e proporre soluzioni comuni – spiega Marco Farina, presidente dell'associazione HRYO – speriamo inoltre che si tenga sempre presente la questione di genere e che non emerga solo in caso di fatti spiacevoli di cronaca”.

Tra gli obiettivi del progetto “Women in Europe. Erasing violence against women” anche quello di alimentare nei giovani partecipanti la consapevolezza che la violenza sulle donne è sbagliata e che le vittime devono denunciare i loro aguzzini: questo è un passo importante nel raggiungimento dei diritti fondamentali non solo delle donne ma anche degli uomini. I principi su cui si basa il progetto sono l’educazione non formale, il rispetto dell’altro, il rispetto delle regole, la comprensione e la gentilezza. I 40 partecipanti, di età compresa tra i 18 e i 25 anni, avranno così modo di confrontarsi su quello che è il ruolo della donna in Europa dal punto di vista economico, sociale, culturale e politico. Si cercherà dunque di creare una linea di comunicazione tra i giovani dei diversi paesi per intraprendere un percorso di lotta contro la violenza online sulle donne. I partecipanti avranno la possibilità di lanciare un chiaro e preciso messaggio: rispetto e amore sono valori che stanno alla base della convivenza fra i generi.

L'associazione H.R.Y.O. (Human Rights Youth Organization) nasce nel 2009 per promuovere lo sviluppo di varie iniziative culturali, tutte volte ad una migliore e più capillare promozione dei diritti civili in Italia e nel mondo. È un'associazione no-profit attiva a livello locale ed internazionale, organizza, sviluppa e porta a compimento attività di sensibilizzazione e di sviluppo, progetti nell'ambito dei diritti umani, dell’educazione alla mondialità, dello sviluppo locale.