05/12/2015 18:00:00

Unn’è lu me postu? di Salvatore Agueci

Unn’è lu me postu?


Circannu ivi pi li strati e li viuzzi
di la terra chi nasciri e iucari mi vittiru,
a cu ncuntrava dumannava:
“Sapiti vui unn’è lu postu miu?”

A la me dumanna, tutti
o finta facianu d’un sentiri,
o u travagghiu continuavanu a fari,
li chiù mi dicianu: “Si lu sapissi pi mia!…”

‘Ncuntrai, mentri ‘nta un violu caminava,
un vecchiu curvu chi li so favi siminava
e a iddu la dumanna fici:
“Si lu sapissi, figghiu miu, cuntentu fussi puru iu”.

A nna matri c’annacava lu picciriddu so:
“Vui, c’aviti datu o munnu stu nnuzzenti,
dicitimi si canusciti un postu sicuru”.
Stringiu li spaddi e a ninnari mesta continuau.

Un turista ‘ncuntrai e ci dumannai:
“Vui, chi lu munnu girati,
u locu di la filicità mia unni si trova?”
“Assai posti vitti ma mai chiddu to ‘ncuntrai”.

Sutta ‘na culonna di la chiazza,
un puvireddu li spicciuli addumannava.
M’avvicinai pi lu me daricci,
“Lu Signuri ti lu paga”, taliannumi, mi rissi.

Comu un lampu, di l’occhi so partennu,
capii subitu chi filici iddu era:
u ’mpostu ‘nta la terra u nni l’avia
ma lu celu, taliannu, m’indicau.

Erice, 28 novembre 2015
Dov’è il mio posto?


Cercando andai per le strade e i vicoli
della terra che nascere e giocare mi hanno visto,
a chi incontravo domandavo:
“Sapete, voi, dov’è il mio posto?”

Alla mia domanda, tutti
o finta facevano di non sentire,
o il lavoro continuavano a fare,
molti mi dicevano: “Se lo sapessi per me!…”

Incontrai, mentre per un viottolo camminavo,
un vecchio curvo che le sue fave seminava
e a lui la domanda feci:
“Se lo sapessi, figlio mio, contento sarei anch’io”.

A una madre che cullava il bambino suo:
“Voi, che avete dato al mondo quest’innocente,
ditemi se conoscete un posto sicuro”.
Strinse le spalle e a cullare mesta continuò.

Un turista incontrai e gli domandai:
“Voi che il mondo avete girato,
il luogo della felicità mia, dove si trova?”
“Parecchi ne ho visti ma mai quello tuo incontrai”.

Ai piedi di una colonna della piazza,
un poverello gli spiccioli chiedeva.
M’avvicinai per il mio dargli,
“Il Signore te lo ricompensi”, guardandomi, mi disse.

Come un lampo, dagli occhi suoi partendo,
capii subito che felice egli era:
un posto sulla terra non l’aveva
ma il cielo, guardando, m’indicò.

Salvatore Agueci