Quantcast
×
 
 
29/04/2016 14:00:00

Safeday, l'amianto fa ancora strage in Sicilia con 100 morti l’anno

In Sicilia e in Italia si continua a morire d’amianto. I decessi collegati a questo materiale tossico sono stati nel 2015 un centinaio nell’isola, 3.000 in tutto il Paese. L’amianto, peraltro, messo al bando dal 1992, continua a ricoprire tetti, anche di edifici pubblici, e a trovarsi in molti manufatti, per un’estensione stimata nella regione di 50 milioni di metri quadri, pari a centinaia di migliaia di tonnellate di un materiale che andrebbe individuato, rimosso e smaltito. A lanciare l’allarme è la Cgil Sicilia, nella Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro.
Questo accade, peraltro, mentre la normativa europea impone di affrontare il problema, ed esiste in proposito una legge regionale del 2014, “tanto ambiziosa negli obiettivi quanto velleitaria – ha detto Monica Genovese, della segreteria regionale del sindacato, aprendo un convegno della Cgil sull’argomento – tantochè siamo ancora all’anno zero, e in queste condizioni le morti da esposizione all’amianto potrebbero anche aumentare”.
Per la Cgil, la questione amianto “è una vera e propria emergenza, su cui si registrano ritardi inammissibili, a causa anche degli errori di una legge regionale confusa e che va modificata”. Al convegno del sindacato sono intervenuti anche la presidente della Commissione territorio e ambiente dell’Ars, Mariella Maggio, e l’assessore regionale alla sanità, Baldo Gucciardi, che hanno condiviso l’allarme della Cgil e la necessità di modificare la legge regionale sull’amianto. La legge in questione (n.10 del 2014) prevede “tempi strettissimi per le mappature, che dovrebbero essere già concluse – ha affermato Francesco Cantafia, del dipartimento Salute e sicurezza della Cgil Sicilia – per le bonifiche e lo smaltimento (entro il 2017), a fronte di risorse, peraltro esigue (20 milioni, quando per la sola Valle del Belice ne servono 38). Lo stato dell’arte è che neanche le mappature sono realizzate, mentre per lo smaltimento la legge prevede la costruzione di un impianto di trasformazione termica, laddove la pratica ritenuta più idonea è il conferimento in discariche adeguate disseminate sul territorio”.
Qualche settimana fa, la giunta regionale ha presentato il piano di riferimento, oggi nelle commissioni parlamentari, che prova a correggere alcune di quelle che la Cgil giudica “storture”. Il sindacato chiede “la modifica della legge di riferimento, per razionalizzare e accelerare i processi di bonifica – ha detto Michele Pagliaro, segretario generale della Cgil Sicilia – e rendere operativa una normativa formalmente ambiziosa, che però si è rivelata tutto fumo e niente arrosto”. Per il sindacato, occorre dunque accelerare, in primo luogo, le mappature, far partire le bonifiche e costruire le discariche.
“Vanno coinvolti i comuni – ha rilevato Cantafia –, ma non con misure penalizzanti, fornendo al contrario tempi accettabili, ma certi, per i piani, e mettendo a disposizione le risorse adeguate”. Queste ultime, secondo il sindacato, vanno individuarte tra le risorse europee, “considerando – ha aggiunto Pagliaro – che quella delle bonifiche da amianto è una priorità”. Il sindacato individua anche nell’informazione, una delle azioni necessarie da realizzare in favore delle popolazioni e dei lavoratori che possono essere soggetti a esposizione, anche inconsapevole.
“Anche su questo la legge è carente e va modificata – ha concluso il leader della Cgil regionale –, così come vanno introdotti percorsi di formazione per i lavoratori coinvolti”. Chieste modifiche anche per quanto riguarda la risposta in termini di sanità: la legge prevede un solo centro ad Augusta, senza aumento del budget di quella struttura, laddove il sindacato chiede un intervento disseminato sul territorio. Legge, dunque, per la Cgil, “da correggere e subito, definendo in maniera credibile i tempi, e usando appropriatamente le risorse dei fondi strutturali per raggiungere l’obiettivo della liberazione in Sicilia dall’amianto”. 



Cronaca | 2024-05-22 11:55:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Trapani, vinti 12.500 euro al Lotto

Sicilia a segno con il Lotto. Nell’estrazione di martedì 21 maggio doppio premio anche in Sicilia, dove un fortunato giocatore di Trapani si porta a casa 12.500 euro, mentre un altro di Terrasini, in provincia di Palermo, vince 7.125...

Native | 2024-05-21 15:48:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Estate, arte e distillati agli Opifici Culturali Bianchi

Al via la stagione estiva e la Distilleria Bianchi, sul lungomare di Marsala, non si fa cogliere impreparata. Dopo il restauro dei Silos, che sono stati riconvertiti, mediante una ristrutturazione edilizia in spazi ricettivi, per ospitare turisti e...