13/01/2017 04:30:00

Erice, è polemica per il progetto di mobilità sostenibile "Casa-Scuola - Casa-Lavoro"

Si chiama "casa-scuola e casa-lavoro" il progetto di mobilità sostenibile approvato dal consiglio comunale di Erice che assieme a Trapani, Favignana, Buseto, Valderice, Custonaci, San Vito e Paceco, parteciperanno bando del ministero dell'Ambiente. Le scuole coinvolte dal programma saranno tredici, con il Mazzini, Sciascia e l'Alberghiero che si trovano ad Erice. In concreto all'attivazione del servizio ci sarà un sistema di bike-sharing per gli studenti pendolari che arrivano a Trapani ed Erice. Mentre, d’estate, il sistema di mobilità si integrerà dal cuore di Trapani con il bike-sharing già esistente ad Erice e sarà rivolto ai turisti. Nel progetto è prevista anche una navetta elettrica, in collaborazione con l'Atm, mentre per i Comuni  Elimo–Ericini, saranno disponibili anche delle auto elettrice. Intanto non mancano le polemiche anche per un progetto che dovrebbe mettere tutti d'accordo. Ad Erice la proposta è stata votata solo dalla maggioranza, con la forzista Pantaleo che ha votato no e il gruppo del Psi che è uscito dall'aula. Il sindaco Giacomo Tranchida ha subito evidenziato come, mentre a Trapani, “per spirito di servizio a favore della città e del territorio in visione d'ambito ottimale”, tutto il Consiglio ha votato la delibera, cosa che non è accaduta ad Erice.

E sulla mobilità sostenibile c'è la dichiarazione dell'assessore alle Grandi Opere e Progetti del Comune di Erice, Gianvito Mauro, che spiega tutti gli aspetti del progetto in itinere:

"Faticoso ma gratificante aver messo assieme 9 comuni per una proposta unitaria di modernizzazione dei territori.
Inviata ieri, 10/1/2017 la documentazione con la proposta progettuale e la domanda di partecipazione per il bando ministeriale sulla mobilità sostenibile che vede uniti in un'unica coalizione i Comuni di Erice (capofila), Buseto Palizzolo, Castellammare del Golfo, Custonaci, Favignana, Paceco, San Vito Lo Capo, Trapani e Valderice.
Ringraziamo tutti i comuni per aver fornito nei tempi, strettissimi, tutta la documentazione necessaria, le 10 scuole del territorio per aver aderito alla proposta e il Gal Elimos per il prezioso supporto tecnico che ci ha permesso di raggiungere l'obiettivo.
Ricordo che la proposta condivisa da tutti i comuni prevede:

1. coinvolgimento nelle azioni di mobilità alternativa e tendenti a decongestionare il traffico "privato" di 10 istituti scolastici di cui tre ad Erice, Alberghiero, Sciascia e Mazzini;
2. Sistema di bike sharing per gli studenti pendolari che ogni giorno si riversano nelle città di Trapani ed Erice per andare a scuola. Sistema di mobilità che nel periodo estivo finalmente si integrerà dal cuore di Trapani con quello già esistente ad Erice (bike sharing), rivolto ai tanti turisti che visitano le nostre città;
3. Una navetta elettrica in collaborazione con l'ATM che porterà gli studenti pendolari dei comuni limitrofi gratuitamente negli istituti aderenti all'iniziativa;
4. "bonus mobilità" per gli studenti che potranno utilizzare i mezzi pubblici a costo zero;
5. La realizzazione di rotonde stradali, nel sistema viario dell'area vasta così individuata;
6. La dotazione di auto elettriche per l'Unione dei comuni Elimo ericini per gli spostamenti lavoro e dotazione di postazioni con colonnine di ricarica;
7. La dotazione di bici a pedalata assistita per tutti gli istituti aderenti all'iniziativa da utilizzare anche da parte del personale docente e ATA per gli spostamenti casa-lavoro;
8. L'implementazione del servizio pedibus (già in funzione nel comune di Erice) in altre scuole elementari del Comune".