11/04/2017 09:26:00

Spese pazze all'Ars, oggi la Corte dei Conti convoca i capigruppo

Consulenze, fiori, pasti, ma anche viaggi e necrologi. Le spese dei gruppi parlamentari all'Ars sono al vaglio della Corte dei conti, che ha convocato per domani i capigruppo. Dovranno giustificare alcune voci messe a bilancio e pagate con i contributi pubblici destinati proprio alle forze politiche all'interno dell'Assemblea regionale. I rilievi sono già stati messi nero su bianco dalla magistratura contabile il 9 marzo scorso in un verbale in cui, gruppo per gruppo, si chiedeva ulteriore documentazione a giustificazione di alcune spese. Domani dalle dieci i presidenti dei gruppi parlamentari sfileranno davanti ai magistrati della Corte.

A tutti i gruppi i magistrati hanno chiesto di chiarire il riconoscimento degli “arretrati” ai dipendenti, ma erogato sotto forma di “rimborso Irap”. Ma non solo. Al gruppo di "Sicilia democratica" si chiede di spiegare una consulenza costata 5mila euro. Secondo i magistrati, infatti, l'incarico è stato affidato a un "esperto" nonostante "dal curriculum si evince che sia il titolo di studio posseduto (diploma presso l’Istituto Tecnico Nautico di Siracusa, quale direttore di macchina), che il settore di impiego (commercio di piante e fiori), sono totalmente estranei alla materia da trattare”.

Al "Movimento 5 Stelle" viene contestata la spesa di novemila euro per l'acquisto di quotidiani. Al "Partito socialista", invece, la Corte ha chiesto di chiarire oltre undicimila euro di “indennità e rimborsi spese” destinati a due dipendenti. Al gruppo “Grande Sud-Pid”, i magistrati chiedono delucidazione per gli oltre ventimila euro spesi in “consulenze, studi e incarichi”. Dubbi anche sugli incarichi conferiti dal gruppo del Partito democratico. Sono stati chiesti chiarimenti anche sulla corrispondenza tra buoni pasto e giornate lavorative dei dipendenti e sull'affitto di una sala conferenza all'Autodromo di Pergusa. Al "Nuovo centrodestra" si chiede di spiegare meglio la trasformazione dei rapporti di lavoro di alcuni dipendenti da collaboratori coordinati e continuativi in assunti part-time. Dubbi anche per i buoni pasti concessi dal gruppo dei “Centristi per la Sicilia”. Al "Partito dei siciliani-Mpa" si chiede di giustificare i soldi spese per consulenze, ma anche il una spesa per necrologio sia stata rendicontata come "spese per missioni e trasferte”. E ancora la Corte chiede a "Forza Italia" di chiarire alcuni contratti di lavoro e alcuni viaggi. Approfondimenti sono stati chiesti anche alla "Lista Musumeci"per le buste paga di un dipendente. Sono i viaggi invece a essere nell'occhio del ciclone per il gruppo di "Sicilia futura".