24/04/2017 06:00:00

Mutui casa, l'andamento del mercato in Sicilia e in provincia di Trapani

 L'Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa ha analizzato nel dettaglio l'andamento dei finanziamenti finalizzati all'acquisto dell'abitazione concessi alle famiglie residenti sul territorio regionale nel quarto trimestre 2016. L'analisi fa riferimento al Bollettino Statistico I-2017, pubblicato da Banca d'Italia nel mese di Aprile 2017.

SICILIA
Le famiglie siciliane hanno ricevuto finanziamenti per l’acquisto dell’abitazione per 556,4 milioni di euro, che collocano la regione al 9° posto per totale erogato in Italia, con un'incidenza del 3,97%; rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente in regione si registra una variazione delle erogazioni pari a -7,2%, per un controvalore di -43,2 milioni di euro.
Se si osserva l'andamento delle erogazioni sui 12 mesi, e si analizzano quindi i volumi dell'intero anno solare 2016, la regione Sicilia mostra una variazione positiva pari a +19,0%, per un controvalore di +337,0 mln di euro. Sono dunque stati erogati in questi ultimi dodici mesi 2.113,5 mln di euro, volumi che rappresentano il 4,25% del totale nazionale.

PROVINCE DELLA SICILIA
Nel quarto trimestre 2016 le province della Sicilia hanno evidenziato il seguente andamento.
La provincia di Agrigento ha erogato volumi per 22,1 mln di euro, facendo registrare una variazione rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno pari a +6,2%. Nell'ultimo anno, invece, sono stati erogati 90,9 mln di euro, pari a +22,0%.
A Caltanissetta sono stati erogati volumi per 14,5 mln di euro, corrispondenti a una variazione rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente pari a -10,3%. Nei precedenti dodici mesi sono stati erogati 61,7 mln di euro (+11,4%).
La provincia di Catania ha erogato volumi per 145,9 mln di euro, la variazione sul trimestre è pari a -4,5%. I dodici appena trascorsi hanno evidenziato volumi per 530,7 mln di euro, corrispondenti a +12,4%.
In provincia di Enna i volumi erogati sono stati 7,1 mln di euro, con una variazione pari a -18,0%. Quelli nei quattro trimestri considerati sono stati 32,3 mln di euro, (+38,6% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso).
In provincia di Messina sono stati erogati volumi per 67,0 mln di euro, la variazione rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente pari a -9,5%.
Sommando i volumi dei precedenti quattro trimestri, i volumi sono stati 286,3 mln di euro e la variazione +30,1%.
Palermo ha erogato volumi per 187,8 mln di euro, la variazione sul trimestre è pari a -12,1%. Questi dodici mesi hanno evidenziato volumi per 665,0 mln di euro e una variazione pari a +11,8%.
La provincia di Ragusa ha erogato volumi per 31,0 mln di euro, facendo registrare una variazione sul trimestre pari a +3,0%. L'anno appena trascorso ha segnalato un totale di 133,6 mln di euro, con una variazione di +49,4%.
A Siracusa sono stati erogati volumi per 47,9 mln di euro, la variazione rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente è risultata essere pari a +8,3%. I quattro trimestri passati , invece, hanno visto un totale 178,3 mln di euro (+32,5%).
La provincia di Trapani ha erogato volumi per 33,1 mln di euro, facendo registrare una variazione pari a -15,1% nel trimestre. Andando indietro di un anno sono stati erogati 134,7 mln di euro (+19,5% rispetto all'anno scorso).

IMPORTO MEDIO DI MUTUO - SICILIA
Attraverso l'elaborazione dei dati provenienti dalle agenzie di mediazione creditizia Kìron ed Epicas, l'Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa ha analizzato la tendenza rispetto all'importo medio di mutuo erogato.
Nel quarto trimestre 2016 in Sicilia si è registrato un importo medio di mutuo pari a 104.400 euro, in diminuzione rispetto a quanto rilevato durante lo stesso trimestre dell'anno precedente, quando il ticket medio ammontava a 108.500 euro. Mediamente colui che sottoscrive un mutuo nella regione viene finanziato circa il 9% in meno rispetto al mutuatario medio italiano.
Nel secondo semestre 2016 il ticket medio a livello nazionale è risultato pari a 113.500 euro. La Sicilia, invece, ha erogato mediamente di meno, attestandosi a circa 104.700 euro.