11/12/2017 10:00:00

Vini, frena l'export italiano verso gli Usa. Crescono i numeri della Francia

Rallenta ancora la commercializzazione del vino italiano sul mercato statunitense, mentre la Francia che allunga decisamente il passo. Secondo l'Osservatorio Paesi terzi di Business Strategies, le importazioni a valore dei vini del Belpaese aggiornate ai primi 10 mesi di quest'anno hanno perso ulteriore smalto (+1,4%, a/a, fonte dogane) a tutto vantaggio dei cugini d'Oltralpe (+16,4%) - che dopo il sorpasso provano la fuga - e della Nuova Zelanda (+8,3%). Nel primo mercato della domanda mondiale, che resta in grande ascesa (+6,4%), il market leader tocca a ottobre quota 1,393 miliardi di euro contro 1,352 miliardi di Roma, complice la recessione dei fermi imbottigliati italiani (-0,1%) a fronte della nuova impennata di quelli francesi, ora a +18,3%.

"L'Italia - ha detto la Ceo di Business Strategies, Silvana Ballotta - rimane in testa nel segmento dei vini fermi, ma è proprio qui - dove tradizionalmente siamo più forti - che scontiamo di più il recupero francese. Paghiamo il noto gap promozionale ma sembra anche che gli Usa preferiscano festeggiare l'uscita dalla crisi alzando i calici dei nostri principali competitor".

Per l'Osservatorio di Business Strategies il prezzo medio resta il principale tallone d'Achille, con i vini francesi che entrano nel mercato Usa ad un valore medio per litro di quasi 10 euro contro i 4,89 di quelli italiani (nel caso dei vini fermi imbottigliati il gap è minore ma pur sempre significativo: 7,96 euro contro i 5,07 euro dei nostri vini). Sotto media della domanda statunitense (+10,3%) anche gli sparkling italiani (+7,6%), la cui quota di mercato si abbassa a poco più della metà sugli champagne francesi (+13,1%).

(ANSA).