Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
30/12/2017 14:44:00

Trapani, 34enne muore folgorato mentre tenta di rubare dei cavi di rame

Un uomo di trentaquattro anni, S.M. le sue iniziali, è morto folgorato a Trapani mentre cercava di rubare dei cavi di rame da una cabina elettrica all'interno dell'ex area industriale di contrada Milo. La conferma del tentativo di furto finito in tragedia è arrivata dallo stesso complice O.F. che è stato denunciato per tentato furto aggravato e che ha racconto ai carabinieri quanto accaduto giovedì notte. Questo il comunicato dell'Arma:

Nella giornata di giovedì i militari della Stazione Carabinieri di Borgo Annunziata denunciavano in stato di libertà per il reato di tentato furto aggravato O.F. trapanese cl.95.
Questi i fatti:
Nella mattinata i militari dell’Arma, a seguito di una telefonata pervenuta alla centrale operativa, intervenivano presso l’area dismessa ex “ASI” sita in Contrada Milo, poiché era stata segnalata la presenza di un uomo che giaceva al suolo esanime.
Giunti sul posto i Carabinieri constatavano l’effettiva presenza del cadavere di un uomo, successivamente identificato in S.M. trapanese classe 83, soggetto noto ai militari.
I rilievi, eseguiti da personale della Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale Carabinieri di Trapani, e l’ispezione cadaverica eseguita dal medico legale dell’ASP intervenuto sul posto, consentivano di risalire alle cause della morte: l’uomo, forse nella convinzione che il capannone non fosse più servito di corrente elettrica, nel tentativo di asportare dei fili elettrici in rame, rimaneva folgorato da una forte scossa.
I militari provvedevano all’immediata escussione di O.F., complice nel tentativo di furto e trovato anch’egli sul posto il quale, nel confermare la ricostruzione della vicenda, riferiva che durante la nottesi era recato insieme al malcapitato complice presso l’ex ASI con l’intento di rubare cavi di rame e, proprio nel tentativo di asportare i cavi elettrici da una cabina di trasformazione elettrica da 20.000 kilowatt, il S.M. rimaneva folgorato decedendo sul colpo nonostante i suoi tentativi di rianimarlo.
In virtù degli accertamenti esperiti O.F. veniva deferito in stato di libertà per il reato di furto aggravato.
A seguito dell’ispezione cadaverica, effettuata sul posto dal medico legale, la salma del giovane trentaquattrenne veniva invece restituita ai familiari.

 


Ti potrebbe interessare anche: