16/01/2018 07:32:00

Aeroporto di Trapani, oggi vertice alla Regione per capire come utilizzare i due milioni

18,00 - Presso l'Assessorato Regionale dell'Economia a Palermo si è tenuto un tavolo di discussione sulle problematiche che investono l'aeroporto di Trapani.

Al tavolo erano presenti: l'Assessore all'Economia e vicepresidente della Regione, Dott. Armao, l'Assessore alle Infrastrutture, Dott. Falcone, l'Assessore al Turismo, Dott. Pappalardo, il Commissario del Libero Consorzio Comunale di Trapani, Dott. Cerami, il Commissario Straordinario del Comune di Trapani, Dott. Messineo, la Sindaca di Erice, Dott.ssa Daniela Toscano, il Presidente del Consiglio Comunale di Erice, Dott. Giacomo Tranchida e, ovviamente, i rappresentanti del Comitato per il monitoraggio e la salvaguardia dell'aeroporto di Trapani, Rossella Cosentino, Maltese Daniele, Ezio Ricevuto, Luca Sciacchitano, che caldamente e tenacemente avevano richiesto questo incontro istituzionale.

La discussione, durata tutta la mattinata e proseguita in un clima collaborativo e propositivo da parte di tutti gli attori, ha evidenziato le criticità legate al futuro dell'aeroporto di Trapani e la voglia indiscussa da parte della Giunta Regionale a trovare una soluzione definitiva e condivisa sulla serie di emergenze che si sono succedute in questo ambito.

Recepite quindi le oltre 2000 firme, accompagnate da una completa relazione sulle legittime aspettative del Comitato e del territorio, gli assessori presenti si sono dati un paio di giorni per fare la quadra istituzionale sulle soluzioni da proporre e hanno indetto un'ulteriore tavolo tecnico per la settimana prossima.

Nello specifico, il comitato ha portato al tavolo un paio di proposte:
1) Il ri-utilizzo dei fondi in mano al Libero Consorzio Provinciale e l'impiego dell'IVA non utilizzata nel bando di co-marketing, finalizzandoli a un aumento dei flussi turistici. Si tratta di circa € 5.500.000;
2) La rimodulazione delle quote per il co-marketing assegnate ai comuni, includendo i comuni attualmente non presenti (Erice, Trapani, San Vito lo Capo).

07,00 -  Si terrà questa mattina, a Palermo, in via Notarbartolo, sede dell'assessorato regionale dellEconomia, un vertice per  affrontare la situazione degli aeroporti di Trapani Birgi e di Comiso. Sulle vicende dell'aeroporto di Trapani, potete leggere il nostro ultimo articolo cliccando qui. 

La questione riguarda i due milioni di euro, che la Regione ha erogato al Libero Consorzio di Trapani , per lo sviluppo dell'aeroporto Vincenzo Florio, come ristoro per i danni subuti dalla chiusura dello scalo, per lo svolgimento delle operazioni militari in Libia. Sono soldi ancora in disponibilità dell'ex Provincia ma è mancato, da parte dell'allora governo Crocetta, l'indicazione di come spendere la somma. Oggi il rischio concreto è che i soldi tornino indietro.

Il vertice di oggi si svolgerà alla presenza dell'assessore all'Economia, Gaetano Armao, dell'assessore al Turismo, Sandro Pappalardo, all'assessore Marco Falcone con delega alle Infrastrutture e Mobilità, e della  deputata marsalese Eleonora Lo Curto.
La questione affrontata non riguarderà solamente i due milioni di euro, fermi senza spesa effettuata, ma si parlerà anche di continuità territoriale.
Una operazione di chiarezza per sbloccare i fondi, per tentare di rendere appetibile l'aeroporto di Birgi ad altri vettori.

“Mi adopererò -  dice la Lo Curto -  per capire i due milioni di euro come possono essere utilizzati e per indicare la strada della continuità territoriale che porterebbe benefici al nostro territorio”.
La questione riguarda sia l'aeroporto di Trapani che quello di Comiso.
Finora la politica ha dato poche risposte, un lungo silenzio che non ha portato nulla.
Lo stesso Libero Consorzio, nel marzo del 2017, aveva chiesto alla Regione come avrebbe potuto spendere la cifra dei due milioni di euro. Non è mai arrivata nessuna indicazione, nessun tavolo tecnico è stato organizzato, lasciando i sindaci nella loro incertezza.
Il commissario del Consorzio, Raimondo Cerami, si era intestato la battaglia. Non venne mai dato giusto seguito ad incontri pubblici o privati.
Adesso la politica corre al riparo, il 28 febbraio, infatti, la Regione chiederà al Consorzio la rendicontazione della spesa per il piano di promozione turistico territoriale.
In buona sostanza il 28 febbraio i soldi potrebbero tornare indietro.
Necessario, dunque, il vertice di questa mattina a Palermo. Potrebbero esserci delle indicazioni precise, quindi lo sblocco effettivo dei due milioni di euro.

Intanto monta la preoccupazione tra gli operatori turistici dell’intera provincia di Trapani per i tempi lunghi che si profilano in ordine all’aggiudicazione del bando indetto dalla società di gestione Airgest per garantire l’operatività dell'aeroporto di Trapani Birgi per i prossimi 28 mesi. Solo la compagnia irlandese Ryanair ha prodotto offerta e cauzione in risposta al bando, ed entro oggi, come richiesto dalla commissione giudicatrice, dovrebbe completare la documentazione con una integrazione di garanzia.