31/03/2018 08:16:00

Aeroporto di Trapani: per salvare l'Airgest servono nove milioni di euro

 Per salvare l'Airgest servono nove milioni di euro. E' quanto scrive la Regione Siciliana nella parte dedicata alle società partecipate nella nota integrativa al  bilancio presentato dalla Giunta Musumeci. 

I conti sono in profondo rosso per Airgest e  la Regione è  azionista di riferimento con una partecipazione nella Spa pari al 99,93 per cento delle quote sociali.

“Il preconsuntivo di Airgest Spa al 31 dicembre – si legge nella nota integrativa del bilancio di previsione della Regione per il 2018 – evidenzia già un patrimonio netto negativo di 1.297.300 euro e la conseguente necessità di intervenire sia per la copertura delle perdite, per il quale è previsto l’apposito fondo perdite partecipate, sia per la ricostituzione del capitale fino al livello richiesto dall’autorità di vigilanza aeronautica per la classe aeroportuale di Trapani-Birgi”.

“Si rende necessaria pertanto una teorica operazione di soccorso finanziario complessivo pari a 9.043.954 euro, comprendente sia il ripianamento delle perdite che il rafforzamento patrimoniale”.

Il governo Musumeci (qui una sua intervista sull'Airgest e l'aeroporto di Trapani) tuttavia, precisa che l’azionista pubblico Regione siciliana, titolare del 99,93 per cento del capitale, potrà deliberare solo se risulteranno rispettati i rigorosi vincoli previsti dalla legge “Considerato che la compagnia registra perdite negli ultimi esercizi”.

Cliccando qui potete leggere un riassunto di tutti i problemi gravi di Birgi. Di recente l’aeroporto di Trapani-Birgi ha perso oltre 2 milioni e mezzo di euro destinati a sostenere la programmazione estiva dei voli. La somma, parte residuale del ristoro che era stato fornito al territorio per i danni subiti dall’inattività dello scalo civile nel 2011 a causa della guerra in Libia, è stata restituita alla Regione dal Libero consorzio comunale di Trapani (l’ex Provincia), perché inutilizzata.

Intanto, il cda presieduto dall'avvocato Paolo Angius ha predisposto la bozza del nuovo bando che programmerà il futuro dell'aeroporto, dopo che quello pubblicato in precedenza è stato bocciato dal Tar dopo il ricorso di Alitalia. Il testo è già stato consegnato nelle scorse settimane all'assessorato al Turismo. Il nuovo bando, che accoglie i rilievi dei giudici amministrativi, ammonterà a poco meno di 15 milioni.