Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
06/06/2018 17:00:00

Marsala, lo scempio dello Stagnone: la Guardia Costiera denuncia tre persone. Le foto

 La Guardia Costiera cerca di mettere un argine allo scempio che avviene alla Riserva dello Stagnone di Marsala, dove ognuno fa un po' quello che gli pare, nonostante i divieti e il delicato ecosistema della zona. E così gli uomini della Capitaneria di porto hanno individuato tre aree con degli abusi e provveduto a fare altrettante denunce. 

Nel corso di alcuni controlli di natura demaniale, disposti dalla locale Autorità Marittima, i militari della Guardia Costiera di Marsala hanno rilevato significative modifiche al litorale della riserva naturale orientata “Isole dello Statgnone”, consistenti nello sbancamento delle dune naturali ed in alcuni casi, nella realizzazione di veri e propri scivoli e scale, tali da modificare significativamente la naturale conformazione della costa.
Le violazioni rilevate sono di natura penale, per cui il personale della Guardia Costiera  ha denunciato i presunti responsabili all’Autorità Giudiziaria, che ha convalidato i sequestri.
Come accennato, le aree in oggetto insistono nella Riserva Naturale Orientata dello Stagnone e sono inoltre classificate SIC (Siti di Importanza Comunitaria) e ZPS (Zone a Protezione Speciale).
Proprio in virtù delle speciali tutele riservate a queste aree, ha confermato il Comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo TV BOVE Gian Luigi, la Guardia Costiera ha deciso di profondere un maggiore impegno nelle verifiche, soprattutto negli ultimi anni, da quando la Riserva è oggetto di un sempre maggiore flusso di turisti, attratto dalla possibilità di esercitare lo sport del KITESURF in condizioni meteorologiche tra le più favorevoli in Europa.