Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
08/08/2018 09:13:00

Palermo, si facevano mutilare per ottenere i risarcimenti dalle assicurazioni

 Pur di ottenere i risarcimenti dall'assicurazione erano disposti a farsi mutilare braccia o gambe.
E' l'incredibile truffa scoperta a Palermo, dalla Polizia, che ha portato nella mattinata di oggi ad undici fermi, su ordine della Procura.


Le vittime, se così le possiamo chiamare visto che sarebbero state consenzienti, avrebbero ottenuto anche risarcimenti che superano i centomila euro.
 Tra le undici persone arrestate c'è anche un infermiere dell'ospedale Civico di Palermo.
Spiega la Questura palermitana di aver sgominato "due pericolosissime organizzazioni criminali dedite alle frodi assicurative realizzate attraverso le mutilazioni di arti di vittime compiacenti. Le due associazioni criminali disarticolate dalla Polizia di Stato con le indagini dirette dalla Procura di Palermo hanno evidenziato la particolare cruenza degli adepti delle due organizzazioni che scagliavano pesanti dischi di ghisa come quelli utilizzati nelle palestre sugli arti delle vittime, in modo da procurare delle fratture che spesso menomavano le parti coinvolte costringendole anche per lunghi periodi all'uso di stampelle e a volte alla sedia a rotelle".


 Le cose però non andavano sempre nel verso giusto. Infatti c'è anche una vittima nell'ambito di questa truffa alle assicurazioni. E' un tunisino che sarebbe morto per le mutilazioni subite per avere un risarcimento all'assicurazione truffata. L'uomo è stato trovato senza vita nel 2017, ma non è stato vittima di un incidente stradale. All'uomo erano stata fratturate volutamente le ossa, poi però è morto.