22/09/2018 06:00:00

Ecco quanto sono costati sindaco, assessori, consiglieri di Marsala ad Agosto

 I marsalesi hanno speso circa 66 mila euro per pagare i politici che li rappresentano e li hanno amministrati nel mese di agosto.
E' questa, in totale, la cifra spesa per sindaco, assessori, consiglieri comunali e presidente del consiglio. Sono stati liquidati, infatti i compensi per i politici di Marsala per il mese di agosto.
Le emergenze rifiuti, i problemi della viabilità, le inesistenti manifestazioni estive sono stati al centro del lavoro agostano dell'amministrazione guidata dal sindaco Alberto Di Girolamo.

La giunta in totale ha percepito 20.969,11 euro per il mese di agosto.
Il sindaco Alberto Di Girolamo è tornato a percepire per intero lo stipendio. Lo scorso anno ha infatti deciso di tornare sui suoi passi e non rinunciare più a metà dell'indennità, come promesso in campagna elettorale, e poi effettivamente realizzato una volta diventato sindaco. Allora motivò la scelta dicendo che ci avrebbe pensato lui a devolvere, in totale autonomia, parte dell'indennità per fini sociali. L'avrà fatto? Nel frattempo ad agosto ha percepito 4.876,53 euro.
E gli altri? Al vice sindaco Agostino Licari sono stati liquidati 1.828,70 dei circa 3600 che gli spettavano, visto che è già dipendente pubblico. Agli assessori Andrea Baiata, Salvatore Accardi, Clara Ruggieri, Rino Passalacqua sono stati liquidati 3.169,75 euro ciascuno. Stessa cifra dovrebbe toccare ad Anna Maria Angileri, ma visto il suo impiego pubblico come dirigente scolastico le vengono liquidati 1.584,75 euro.
La seconda carica della città percepisce, quasi più di tutti. E' il presidente del consiglio comunale, Enzo Sturiano, che da due consiliature attira le invidie dei suoi colleghi. Il suo stipendio ad agosto è stato di 3.169,75 euro. Lo stipendio di un assessore, senza però avere responsabilità: una pacchia.


E i consiglieri comunali? La somma liquidata dal Comune, e quindi dai cittadini, è molto alta, tra le più alte d'Italia. Questo perchè il Comune di Marsala è uno degli ultimi ad avere un regime di calcolo del gettone di presenza secondo il vecchio regime. Ogni consigliere comunale di Marsala, per ogni seduta d'aula e di commissione, percepisce 99 euro. Che cumulati nel giro di un mese sono uno stipendio bello e buono che ti può consentire di non lavorare, e di perdere tempo a esprimere solidarietà ai colleghi per piccoli guai giudiziari e attaccare la stampa perchè li racconta, come successo nei giorni scorsi. Ad agosto per i consiglieri comunali di Marsala, il Comune ha liquidato in totale 42.284,89 euro. Una cifra superiore a quella che sborsano tutti gli altri comuni della provincia. Alla prossima tornata elettorale però finirà la festa, con gettoni ridotti e numero dei consiglieri che scende da 30 a 24. C'è una cosa da dire però. Un consigliere non percepisce lo stipendio, il cumulo dei gettoni. Un atto di generosità nei confronti della città? Macchè il suo stipendio è stato pignorato, e viene liquidato direttamente alla Riscossione Sicilia. Sul nome del consigliere e sul motivo per cui la sua indennità passa all'ente di riscossione ci sono gli omissis.
Vuoi vedere che anche per lui ci sarà un consiglio comunale di solidarietà?