Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
04/11/2018 08:14:00

Oggi è il 4 Novembre. Le celebrazioni a Trapani, tra le polemiche

 Oggi è il IV Novembre,  la Giornata Nazionale dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate.

A Trapani le celebrazioni inizieranno alle 9:30, a piazza Vittorio Veneto; dopo l’esibizione della fanfara dei bersaglieri e l’alzabandiera, verrà deposta una corona d’alloro ai piedi del monumento ai caduti. Seguiranno la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica, il discorso commemorativo del sindaco e la benedizione del vescovo. Verranno consegnate inoltre delle onorificenze al merito della Repubblica. Interverranno autorità civili, militari e religiose. Alle 16:30 si terrà l’ammaina bandiera.

Sempre oggi, nell’ambito dell’iniziativa denominata “Caserme Aperte”, si potranno visitare i locali della Capitaneria di Porto di Trapani, dalle ore 11,00 alle ore 13,00 e dalle ore 15,00 alle ore 17,00.

Sul senso del IV Novembre interviene, con una nota polemica, il Coordinamento per la pace di Trapani


Com'era prevedibile, il centenario della vittoria della Prima Guerra Mondiale viene celebrato in tutto il paese per ricordare l'eroismo degli italiani che sacrificarono la propria vita in nome della patria.
Tutte bugie. In realtà, il massacro della cosiddetta Grande Guerra (quasi dieci milioni di morti in tutto) fu largamente osteggiato dalla maggior parte della società italiana dell'epoca e dai ragazzi che furono strappati alle loro famiglie e alle loro occupazioni per essere mandati a morire tra il fango e i pidocchi per gli interessi dei politici e dei capitalisti di allora.
Oggi noi preferiamo ricordare i tanti disertori e renitenti che fecero di tutto per non diventare carne da cannone, che rifiutarono di obbedire a ordini insulsi, che pagarono anche con la vita la volontà di restare umani e di non uccidere altri ragazzi come loro. Numerose furono, infatti, le rivolte di interi reparti che furono duramente represse con fucilazioni ed esecuzioni sommarie.
I grandi assenti nelle celebrazioni del 4 Novembre sono proprio loro: gli 870mila soldati denunciati, dei quali 470mila per renitenza; i 170mila condannati, di cui 111mila per diserzione; i 220mila incarcerati, tra i quali 15mila all'ergastolo. Le condanne a morte furono 4mila.
Per loro non ci sono monumenti e fanfare perché la ragion di stato non ammette disobbedienza, non ammette che si possa fraternizzare con il "nemico", non ammette che esista anche solo l'umano sentimento della paura. La guerra è, infatti, la cosa più disumana e vergognosa che possa esistere.

A distanza di cento anni, le bugie restano l'arma più affilata della propaganda militarista secondo la quale le guerre sono operazioni umanitarie, e le forze armate sono forze di pace.
Oggi l'Italia impiega più di 9.000 militari in 25 missioni all'estero con mezzi aerei, terrestri e navali che gravano per oltre un miliardo all'anno sul bilancio dello stato.
Nel 2018 le spese militari sono arrivate a 25 miliardi di euro (1,4% del PIL), un aumento del 4% rispetto al 2017. Nonostante le dichiarazioni della ministra Trenta, nessuna riduzione è realmente prevista nei documenti ufficiali.
Anzi, tra i programmi di riarmo nazionale si segnalano le nuove navi da guerra della Marina (tra cui la nuova portaerei Thaon di Revel), i nuovi carri armati ed elicotteri da attacco dell’Esercito, e i nuovi aerei da guerra Typhoon e F-35 (un sistema d’arma prettamente offensivo e intrinsecamente contrario all’articolo 11 della Costituzione Italiana e al Trattato di non Proliferazione Nucleare).
Contemporaneamente, la produzione e l'esportazione di armi non conosce crisi. Nella penisola arabica e in altri fronti caldi del pianeta ci si ammazza con fucili e munizioni rigorosamente made in Italy.

Mentre gli apparati militari vengono mantenuti con i soldi pubblici, e indossare una divisa è l'unica proposta occupazionale a lungo termine che lo stato è in grado di garantire ai più giovani (con il naturale corolllario di irregimentazione, autoritarismo e conformismo che ne consegue), tutte le risorse per i servizi essenziali come la sanità, la scuola, le pensioni, le infrastrutture, la cura del territorio, ecc. vengono drasticamente ridotte.
E una guerra a bassa intensità, sempre più spietata e disumana, viene combattuta quotidianamente - nel nome della "sicurezza" - contro i più poveri e i più indifesi.
Insomma: dopo cento anni, il militarismo continua a vivere di bugie e a produrre vergogna.